Trump e Razzi con il dittatore Assad… non fanno ridere nessuno

Da una parte il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che da quando è stato eletto spara a palle incatenate contro tutti e tutto. Lancia accuse gravi, da Obama ai giudici che si oppongono ai suoi atti. Il fatto è che ogni volta che poi qualche organismo istituzionale indaga, esce fuori che quelle di Trump sono solo illazioni, accuse infondate, che gettano nel discredito la più alta carica americana. E che il fenomeno Trump ormai stia preoccupando un po’ tutti lo dimostrano i sondaggi, che registrano per lui  il più basso indice di popolarità. C’è poi il fenomeno italiano Antonio Razzi, un senatore nato per caso e che poi si è saputo ben piazzare nel mercato parlamentare. Razzi si è fatto fotografare, sorridente, insieme al dittatore siriano Bashar Assad. Una vergogna, che purtroppo non investe solo Razzi, diventato ormai una burla per tutti. All’estero potrebbe essere mal interpretata mettendo così in cattiva luce il Parlamento italiano.

Nico Perrone

21 marzo 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988