Trump caccia pure Scaramucci, i suoi uomini trattati come kleenex

E adesso a chi toccherà? E’ diventato il nuovo gioco americano, ogni giorno il presidente Trump manda via qualcuno che soltanto poche ore prima aveva insediato in un posto cruciale. Stavolta è toccato ad Anthony Scaramucci, che tutti in America chiamano lo ‘scroccone’, per la sua abilità a guadagnare con i soldi degli altri. Un metro e settanta e livore moltiplicato per 100. Soltanto 10 giorni fa Scaramucci era stato nominato capo della comunicazione e si era subito fatto notare dai giornalisti per la serie di parolacce usate. Addirittura aveva chiamato un cronista per sapere chi gli spifferava le notizie, deciso a far piazza pulita di tutti “i succhiacaz…”, questo il livello del suo parlare.

Un personaggio scomodo, soprattutto agli occhi del super generale Kelly, vero uomo forte della Casa Bianca, che ha deciso subito di mettere in chiaro chi comanda davvero. Quindi addio Scaramucci, usato come un kleenex per una soffiata di naso, e rispedito nel suo mondo di scrocconi. Ma a casa non ci sarà la moglie ad aspettarlo, pure lei dopo averlo visto all’opera, preda del suo sfrenato arrivismo, gli ha dato il ben servito e chiesto il divorzio. Dalle stelle alle stalle, tutto in 10 giorni. Chi sarà il prossimo che Trump farà fuori?

Nico Perrone

01 agosto 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988