AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

Otto marzo, un pensiero per Berta Caceres

In questo otto marzo il mio pensiero va a Berta Caceres, figlia di una levatrice, appassionata rappresentante del popolo Lenca, 4 figli tutti rifugiati in Argentina, uccisa con quattro colpi di pistola in piena notte nella sua abitazione a Intibuca, nei pressi de La Esperanza, duecento chilometri a nord ovest della capitale dell’Honduras, Tegucigalpa. Una vita “appesa a un filo”  da anni, a difendere l’ambiente, le foreste, i fiumi; una vita spesa a difendere la vita degli altri, la possibilità stessa di sopravvivere per le popolazioni indigene schiacciate dallo strapotere delle compagnie estrattive. Tra le sue battaglie c’è una vittoria nota a molti: la difesa del fiume Gualcarque, nel dipartimento di Santa Barbara – un fiume sacro nella cosmogonia dei Lenca per la sacrosanta ragione che garantisce la vita alla popolazione indigena della zona – dal tentativo di realizzare una diga idroelettrica Agua Zarca che avrebbe privato dell’acqua migliaia di indigeni. Una vittoria che le è valsa il premio Goldman, il Nobel dell’ambiente, e probabilmente le è costata la vita, come era successo già a tre sue compagne in questa battaglia. Vocazione molto pericolosa quella dell’ambientalista in Honduras dove tra il 2002 e il 2014 sono stati uccisi 111 ecologisti secondo l’associazione Global Witness, ben 88 nel solo 2014 in tutta l’America Latina. Quando cerchiamo coraggio, dignità, amore per la propria terra e per i propri fratelli e sorelle dobbiamo guardare a loro, a chi dedica e rischia la propria vita per difendere le foreste e i fiumi, a chi si batte spesso meno a mani nude contro l’arroganza di un capitalismo distruttivo che si appropria delle risorse naturali e lo fa per affermare il più elementare e basilare dei diritti, quello alla vita.

On. Stella Bianchi

08 marzo 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988