Olio, Oliverio (Pd): marchio sostenibilita’ e’ futuro dell’ extravergine

– “Un annuncio importante, quella di oggi fatto nel corso di Extract, l’osservatorio costituito da Unaprol e Istituto Ixe’ , al Tempio di Adriano di Roma, sulla nascita di un marchio di sostenibilita” condiviso da tutta la filiera dell’olio italiano su cui l’olio extra vergine italiano potra’ contare sui mercati esteri”. Lo ha dichiarato il capogruppo Pd in commissione Agricoltura Nicodemo Oliverio che ha aggiunto: “E’ chiaro ormai a tutti i soggetti che fanno parte dell’olivicoltura e a tutti i consumatori che il nostro olio extravergine deve essere tutelato con strumenti sempre piu’ pregnanti e specifici . La contraffazione in questo settore e’ diventata intollerabile ed estremamente invasiva, come confermano i dati emersi dal prezioso lavoro dei Nas che dicono come nel 2015 le frodi nel settore degli oli e dei grassi sono quadruplicate, con un incremento record del 278 per cento rispetto all`anno precedente del valore dei sequestri di questi prodotti perche’ adulterati, contraffatti o falsificati. Questo Governo e questa maggioranza parlamentare hanno lavorato fin dall’inizio in stretta collaborazione per tutelare il nostro olio extravergine. L’annuncio di oggi interpreta al meglio lo spirito della nostra legge ‘salva olio’, ovvero tutelare l’olio di qualita’ Made in Italy dagli agro pirati e al contempo tutelare i consumatori da rischi sanitari. La qualita’ e la salubrita’ – conclude – sono gli assi portanti dell’agroalimentare italiano, promossi e valorizzati dal ministro Martina e dal Parlamento anche con l’approvazione del Piano Olivicolo Nazionale indirizzato all’incremento della produzione, al superamento delle fitopatologie e alla tutela del Made in Italy”.

On. Nicodemo Nazzareno Oliverio

27 febbraio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

On. Nicodemo Nazzareno Oliverio

Inizia il suo impegno politico presso la Direzione Nazionale della Democrazia Cristiana. In occasione delle elezioni politiche del 2006 è rieletto alla Camera dei Deputati, occupandosi prevalentemente di problematiche del settore agricolo e delle infrastrutture. Alle elezioni politiche del 2008 gli elettori crotonesi lo riconfermano deputato per le liste del PD. Rieletto deputato del Partito Democratico alle elezioni del 2013, attualmente capogruppo alla Commissione agricoltura della Camera dei Deputati.

IL DIRETTORE RICEVE


DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988