AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

Macron dopo qualche mese si crede già Napoleone

Si è creato un partito personale, addirittura con le sue iniziali, (En Marche… Emmanuel Macron, ndr) è diventato presidente della Francia, ha fatto man bassa di parlamentari sbaragliando i vecchi partiti storici. Chiaro che il successo può dare alla testa. Negli ultimi giorni ha pure mandato a quel paese, facendolo dimettere, il capo delle forze armate. la sua colpa? Protestava per i tagli che il governo di Macron aveva deciso per il capitolo difesa. E che doveva dire? Sono felice? Grazie Macron? Niente, il giovane presidente gli ha replicato secco: il capo sono io, si accomodi. A qualcuno potrà piacere il decisionismo ma bisogna stare attenti che non degeneri in autoritarismo. I primi segnali ci sono, tanto che qualcuno già paragona Macron a Napoleone. E in soli pochi mesi Macron ha già perso 10 punti di gradimento. Senza contare il superattivismo adesso in Libia, dove il presidente ha deciso di giocare la partita in prima persona scavalcando tutti, Italia compresa, dimenticando i disastri combinati dal suo predecessore Sarkozy. Di questo passo non vorremmo ritrovarci un Ego Macron di consensi micron.

Nico Perrone

24 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988