Macron Napoleon non si ferma, ora se la prende di nuovo con l’Italia

Macron Napoleon continua la sua battaglia contro l’Italia. Alla faccia dell’Unione europea ha deciso di mettere la Francia sopra tutto e tutti. Al centro della guerra tra Italia e Francia ci sono i cantieri navali francesi Stx di Saint Nazaire acquistati dalla nostra Fincantieri. Apriti cielo, al giovane Macron Napoleon le regole del mercato, a casa sua, non valgono. Prima ha reclamato un nuovo contratto, con la Francia che si riprendeva il controllo dei cantieri navali.

    Poi Macron, forse considerando che non può mandare al macero le regole che valgono per il resto del mondo, ha rilanciato chiedendo un controllo paritario, 50% all’Italia e 50% alla Francia. Giustamente il nostro Paese lo ha mandato a quel paese giudicando la proposta non solo ingiusta ma dannosa per i nostri interessi.

   C’è ormai da segnalare questa schizofrenia del giovane presidente francese nei nostri confronti: da una parte si dice pronto a collaborare,  che è giusto aiutare l’Italia per l’emergenza migranti, poi non perde occasione per attaccarci, per metterci i piedi in testa. Ancora l’altro giorno ha chiamato a casa sua i due leader libici per farsi immortalare mentre si stringono la mano. Alla faccia dell’Italia, che da anni sta cercando di coinvolgere tutti per risolvere il caos scoppiato in Libia proprio a causa della folle politica francese. Bisogna ribattere colpo su colpo, ricordando che ci sono regole che valgono per tutti, anche per Macron Napoleon.

Nico Perrone

26 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988