Lettera ai vertici RAI sul caso Magalli-calabresi

Roma 18 novembre 2016

Alla C.A. D.ssa Monica Maggioni

Presidente Rai

 

e.p.c. Dott. Antonio Campo Dall’Orto

Direttore Generale Rai

 

Gentile Presidente,

non Le sarà sicuramente sfuggita, in queste ore, la polemica innescata da alcune dichiarazioni rilasciate il 15 novembre scorso da Giancarlo Magalli nel corso della trasmissione  “I fatti vostri” che conduce su Rai 2.

Dopo la mancata risposta al telefono del telespettatore estratto,  che risultava essere di Casignana,  in provincia di Reggio Calabria il conduttore ha detto testualmente “se andate in giro a scippare le vecchie non e’ colpa nostra’. Non pago di tale dose di qualunquismo di fronte alla reazione dei presenti ha anche aggiunto “’Lo fanno, lo fanno. Non stanno a casa perche’ a quest’ora sono impegnati in queste attività criminali.”

E’ evidente che tali affermazione pronunciate dal noto conduttore del servizio pubblico in una trasmissione seguitissima assumono un rilievo di assoluta gravità che non possono passare sottosilenzio,

Un sillogismo antropologico che alimenta luoghi comuni e penalizza persone e territorio condannandoli ad un perenne pregiudizio.

Tale video è ora sulle home page dei principali quotidiani nazionali ed è diventato virale sui social network.

Auspico che da Presidente della Rai intervenga al fine di porre rimedio non ad un atto che non derubricherei a semplice  gaffe bensì ad una volgare offesa non degna del servizio pubblico radiotelevisivo.

Si sono allontanati conduttori tv per frasi inopportune credo si possa pensare ad una sanzione anche per dichiarazioni palesemente razziste.

Certa della Sua  sensibilità ed in attesa di riscontro invio i miei più cordiali saluti.

 

 

On. Enza Bruno Bossio

18 novembre 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram