AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

Per la Cassazione il capo mafia Riina puo’ uscire dal carcere

Totò Riina, capo di Cosa nostra, è malato e ha diritto ad una morte dignitosa fuori dal carcere. Così la Cassazione, che ha chiesto ai magistrati di rivedere la loro posizione e consentire al vecchio mafioso di uscire dalla galera.

    Insomma per la Cassazione  bisogna vedere se il detenuto, ormai ottantaseienne e con diverse gravi patologie,  riveste ancora un ruolo dentro l’organizzazione criminale oppure no. Per molti resta il ‘capo dei capi’, per altri ormai è solo un vecchio arnese malato e fuori dal giro visto che è dal 1993 che sta dietro le sbarre.

   Viene da pensare alle tante vittime di Cosa nostra, ai tanti messi a morte proprio da Totò Riina, che senza battere ciglio decideva il come e quando. E nessuno poteva dire no. Lo Stato può trasformarsi in canaglia, infame come lui? Certamente no, e quindi è giusto valutare la richiesta di farlo tornare a casa. Però… però almeno una parola, un gesto nei confronti dello Stato e della legge, che nonostante tutto lo tratta da essere umano e gli riconosce i suoi diritti, da Riina dovrà arrivare.

   Un piccolo gesto, per far capire che lui per davvero ha passato la mano, che la pena scontata è giusta per i tanti delitti commessi e che per il futuro lui penserà soltanto a fare i conti con un altro tipo di giudice, sicuramente più in alto della Cassazione.

Nico Perrone

05 giugno 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988