Per disinnescare le ‘bombe’ del terrore servono psicologi e psicoterapia

Isolati, repressi e depressi, vittime di atti di bullismo. Giovani che alla fine decidono di farla pagare al mondo uccidendo a tutto spiano. Visto quanto accaduto a Nizza, a Monaco e in tanti altri casi, è il caso di interrogarsi su cosa sta accadendo dentro le nostre città, nei gruppi sociali. E prima di pensare di reprimere a colpi di arma chi vuole terrorizzarci forse sarebbe meglio aumentare la spesa per potenziare i nostri servizi di psicoterapia e psicologia sul territorio. Per intercettare e disinnescare prima che esplodino queste ‘bombe’ umane.

Nico Perrone

25 luglio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram