Chiusa positivamente la vertenza di Italcementi

E’ stato sottoscritto l’accordo che prevede la cassa integrazione per 20 mesi per la riorganizzazione aziendale di Italcementi.
L’azienda ha assunto l’impegno che nessuna scelta industriale definitiva sarà assunta per l’impianto di Castrovillari.
E’ confermato sia l’utilizzo flessibile sia il mantenimento dell’attuale assetto impiantistico.
La verifica sull’attuale assetto verrà fatta nel 2017 e, quindi, quando subentrerà la nuova proprietà tedesca dell’Heidelberg Cement.
Insomma, tutto quanto era stato richiesto dalle organizzazioni sindacali e sottoposto all’attenzione del Governo dal Presidente della Regione Mario Oliverio e dalla delegazione parlamentare del PD è stato ottenuto.
Un’altra buona notizia, un risultato frutto della compattezza dimostrata da tutti i soggetti istituzionali che si sono ritrovati per la risoluzione di questa vertenza: comuni, giunta regionale, parlamentari e organizzazioni sindacali e, ovviamente, delle lotte dei lavoratori di questi giorni.
Questa compattezza dovrà essere mantenuta anche per i prossimi appuntamenti, quando subentrerà la nuova proprietà.
La vertenza Italcementi è il simbolo di un Sud che non chiede assistenza ma torna a misurarsi sul proprio futuro industriale e produttivo.
Auguri ai lavoratori di Italcementi, alla popolazione di Castrovillari e dell’area del Pollino e a questa nostra regione che ha dimostrato di volercela e sapercela fare.

On. Enza Bruno Bossio

04 dicembre 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram