Caporalato: Oliverio,con ddl tolleranza zero contro sfruttamento

– “Oggi e’ un giorno importante per il Paese: nell’aula della Camera e’ stata avviata la discussione generale sul ddl di contrasto al caporalato che, dopo l’approvazione del Senato, va verso l’ok definitivo”. Lo dichiara Nicodemo Oliverio, capogruppo Pd in Commissione Agricoltura alla Camera che aggiunge: “La legge che presto approveremo segna un punto di rottura. Sara’ tolleranza zero verso ogni forma di sfruttamento del lavoro. Abbiamo la piu’ bella agricoltura del mondo. Ora vogliamo realizzare l’agricoltura piu’ trasparente. Dove ogni forma reiterata di corruzione e illegalita’ sara’ punita senza alcuna titubanza”. Per Oliveiro “Si tratta di un punto di arrivo improcrastinabile e decisivo per l’Italia che, da nazione civile qual e’, non puo’ non contrastare in modo deciso questa orribile e moderna forma di schiavitu’. Finora, di fronte a questa diffusissima piaga – ricorda – e’ stata girata la testa dall’altra parte, ma noi abbiamo detto basta a questa ignominia con una legge che prevede pene non solo per il ‘caporale’ ma anche per le imprese che sfruttano il lavoratore, anche a prescindere da comportamenti violenti, minacciosi o intimidatori”. “Le misure piu’ importanti – spiega ancora Oliveiro – vanno dal rafforzamento della ‘Rete del lavoro agricolo di qualita” agli interventi per favorire la tracciabilita’ delle prestazioni. Prevista la creazione di una specifica Cabina di regia, che trasmettera’ al Parlamento una relazione annuale sullo svolgimento dei suoi compiti. Lo scorso anno lo sfruttamento dei lavoratori in agricoltura ha coinvolto ben 430 mila persone. Questo provvedimento e’ il nostro tributo alla loro liberta’ e alla nostra dignita’”.

On. Nicodemo Nazzareno Oliverio

17 ottobre 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

On. Nicodemo Nazzareno Oliverio

Inizia il suo impegno politico presso la Direzione Nazionale della Democrazia Cristiana. In occasione delle elezioni politiche del 2006 è rieletto alla Camera dei Deputati, occupandosi prevalentemente di problematiche del settore agricolo e delle infrastrutture. Alle elezioni politiche del 2008 gli elettori crotonesi lo riconfermano deputato per le liste del PD. Rieletto deputato del Partito Democratico alle elezioni del 2013, attualmente capogruppo alla Commissione agricoltura della Camera dei Deputati.

IL DIRETTORE RICEVE


DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram