LAZIO
I funerali di Buontempo, tra commozione e saluti romani
26-04-2013
di Emiliano Pretto

ROMA - Tanti saluti romani, fotografi minacciati, bandiere con la fiamma e striscioni con la celtica. Si sono svolti anche in questo scenario i funerali di Teodoro Buontempo nella chiesa di San Marco, nella Capitale. L'arrivo del feretro dello storico esponente missino e' stato salutato dal grido "Boia chi molla" e "Camerata 'Pecora' presente". In chiesa comunque tanta compostezza e commozione.

Fuori invece un po' di tensione, specialmente quando un gruppo di fotografi e' stato minacciato dalla folla. "Siete tutti zecche, fuori di qui" hanno urlato alcuni, mentre altri hanno allontanato
i reporter dicendo loro: "Siete peggio delle guardie, andatevene o finisce male".

All'interno della chiesa presenti, oltre ad amici, familiari e persone comuni, il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, l'ex presidente della Regione, Renata Polverini, il leader de La Destra, Francesco Storace, e molti esponenti della destra romana e nazionale, come Maurizio Gasparri e Domenico Gramazio.

(Continua nel notiziario Dire in abbonamento)

Articoli Correlati
Disclaimer | Privacy | Copyright