Manovra, Tria: “Deficit sostenibile e responsabile, dialogo con Ue va avanti”

ROMA – Il livello di deficit programmato dal governo “pensiamo sia sostenibile e responsabile, vogliamo affrontare i prossimi anni con la certezza di ridurre il debito e di aumentare la coesione e lo sviluppo con la crescita. E’ questa convinzione che ci avvicina all’Europa”. Lo dice il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, alla giornata del risparmio.

“Siamo convinti che il dialogo con la Commissione europea debba continuare, una Italia che cresce fa bene a tutti”, sottolinea il ministro, che assicura: il deficit non salirà oltre il 2,4% nel 2019 anche qualora non verranno centrati gli obiettivi di finanza pubblica.

Delle tensioni sui mercati, aggiunge il ministro, “rischiano di risentirne le nostre banche. Il nostro sistema bancario è solido come dimostra la continua e decisa riduzione delle sofferenze. Stiamo vigilando sull’evolvere della situazione perchè il sistema non venga messo in difficoltà da queste turbolenze”.

“Non ci basiamo su trucchetti contabili, la nostra crescita stimata è programmata e prudenziale”, conclude Tria.

31 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»