San Marino

Elezioni, Adesso.sm: In campagna elettorale il clima sia costruttivo

sanMarino_piazza_libertaSAN MARINO – Assicurano una campagna elettorale all’insegna del fair play i coordinatori delle forze in campo di Adesso.sm. Vanessa D’Ambrosio, per Ssd, Matteo Ciacci, per C10, e Nicola Renzi, per Rf, nel corso della presentazione della serata con cui la coalizione inaugurerà la campagna- giovedì dalle 19,30, al Palace Hotel- raccolgono l’invito fatto oggi dalla Reggenza. “Auspichiamo, perseguiremo e cercheremo di creare un clima costruttivo- assicura D’Ambrosio- incentrato sui contenuti e in cui gli attacchi personali non ci siano”. Il clima “civile” infatti “porterà ad essere più costruttivi e a mettere al centro dell’attenzione il dialogo con i cittadini”, sottolinea. Della stessa idea Ciacci: “Cercheremo di raccontare il nostro programma, in coerenza con un percorso già partito da tempo”.

E così, per esempio, dei punti cardine dello sviluppo economico, inseriti nel programma, si discuterà già da giovedì, 3 novembre, assicura, nella serata di inaugurazione della campagna elettorale. Si parte dalle 19,30 con un ‘apericena’, per proseguire con la tavola rotonda, tutto condito da musica, cantanti e dj set. “Noi parliamo delle nostre idee- conclude Ciacci- non di ‘quisquiglie interne’ che interessano a pochi, ai cittadini servono un Paese attrattivo e nuovi posti di lavoro”. Ribadisce il concetto Renzi: “Da parte nostra, come coalizione, c’è tutta la disponibilità per mettere in campo lealtà, trasparenza e chiarezza”. Infatti, “questi 20 giorni devono servire a tutti i cittadini per avere idee chiare su cosa fare per il futuro del Paese”. Al contrario, “ci piacerebbe lasciare da parte sterili polemiche e dietrologie- continua- pettegolezzi e chiacchiere da bar”. Diversamente, “se vediamo fenomeni che distorgono la dialettica democratica saremo costretti ad agire”.

31 ottobre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»