Bologna, gli operai cancellano i murales del Cua imbrattati

BOLOGNA – Continua l’operazione di rimozione dei murales dalle pareti della zona universitaria di Bologna.

Se la scorsa settimana sono state ripulite le colonne del portico di via Zamboni, che corre davanti ai civici 36 e 38, ora tocca ai graffiti del Cua, che nel periodo di Ferragosto, nottetempo, qualcuno aveva imbrattato con pennellate di vernice bianca (il collettivo, in risposta, ha subito promesso di essere pronto a muoversi per ripristinare i disegni).

Dei tre murales danneggiati, è stato già cancellato quello di fianco all’ingresso di Palazzo Paleotti e ora gli operai sono al lavoro sul lato di piazza Verdi. Man mano che nella zona si susseguono gli interventi di ripulitura, non tutti i murales vengono eliminati: per il momento, infatti, sembrano essersi salvati i graffiti dedicati a Francesco Lorusso e alla resistenza della città curda di Kobane contro l’Isis.

LEGGI ANCHE

A Bologna via i murales in via Zamboni. E i turisti (finchè riescono) li fotografano

31 agosto 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»