Governo, base M5s in rivolta sui social: “Anche Meloni, e Berlusconi quando?”

ROMA – “No alla Meloni, no a La Russa, no a Santanche‘”. Mentre e’ in corso il vertice decisivo tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini, i social dei Cinque Stelle ribollono di rabbia.

Piu’ cauto il blog delle stelle, anche per via della ‘moderazione’, il filtraggio degli interventi piu’ caustici. Ma anche qui sono tanti gli scettici, come Viviana Vivarelli, di Bologna, che ironizza sulla soluzione studiata per il professore Savona: “‘Spostiamolo ad un altro ministero’. Ma anche vicino alla portafinestra al posto del ficus che sta da Dio. Oppure sotto il quadro che ha regalato zia, che ha i colori che si abbinano. In anticamera vicino al portaombrelli?”.

Ironia, la sua, che non riesce a Mauriello: “Che bravo Di Maio e se anche Meloni… Il governo Belluccone con la faccia dei 5 stelle! Sento gia’ la puzza. Non e’ meglio l’opposizione o l’appoggio a Cottarelli?”, dice.

Fabrizio Capuani dice “a Di Maio che l’aggiunta di FdI e’ solo l’ennesimo inganno del manovratore Salvini. È gia’ difficile sopportare la compagnia di Salvini e dei leghisti al governo, quella di Meloni e’ assolutamente inaccettabile. Spero che il numero di post contro FdI aumenti e che questo lo aiuti a mantenere almeno la dignita’ in questa estenuante trattativa”.

Per Alessandro Bonanno l’intesa con Fdi “e’ una bestialita’. Abbiamo votato un contratto a 2 e non un contratto a 3. Qualcuno fermi Di Maio. E’ assolutamente inammissibile. Da iscritto sono fortemente indignato. Sto valutando l’ipotesi di cancellare la mia iscrizione dal M5S. Fermate Di Maio“.

Ma e’ sulla pagina facebook del capo politico che la bile del popolo Cinque stelle straripa. Giuseppe Salvo perentorio: “No a Meloni, a Santanche’ a La Russa. Per favore no. La maggioranza c’e’, perche’ fare entrare Fdi?”. Vladimiro Fiumara di poche parole: “Se entra la Meloni io vi mollo“.

E ancora. Alessandro Gulla’, sarcastico: “Occhio che Salvini con la Meloni vi fa il gioco delle tre carte , rialza la posta e vi rida’ il cerino in mano”. Massimo Gentile: “Abbiamo gia’ sopportato (turandoci il naso) quel leghista, adesso dobbiamo permettere anche al secondo terzo del centrodestra di entrare in questo contratto? A quando poi l’ingresso di Berlusconi?

Quintilio Di Luigi autore di un attacco diretto al leader: “Di Maio una vera volpe? Non diciamo idiozie. Si e’ fatto raggirare dal Padano fin dall’inizio. Se al posto suo ci fosse stato Di Battista, al Padano gli avrebbe fatto barba e capelli, per essere gentile. Adesso anche la Meloni con la complicita’ di Salvini, vuole salire sul nostro carro.  Giggino, ma dagli un calcio in c…”.

Matteo Splendido dice: “Luigi che fai accetti pure la Meloni adesso? Non bastava lo sciacallo Salvini ora dai l’invito pure alla iena? Per il bene del popolo non lasciar condurre i giochi a Salvini, qui rischiamo grosso, raga’ svegliatevi Salvini ci sta
prendendo in giro!” Giorgia Pennacchini senza ritegno: “Non cedete all’ennesimo ricatto di quel verme di Salvini”.

Paola Giros sposta il bersaglio della critica: “C’e’ un limite alla voglia di governare a tutti i costi. Cosi’ distruggi il M5s. Alleato di La Russa? Non con il mio voto!”

31 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»