Governo, M5s-Lega ci riprovano: Conte premier, a Savona altro ministero

ROMA – “Per il movimento ci sono due soluzioni: o si va subito al voto senza cincischiare con governi tecnici, senza perdere tempo illudendosi che i governi siano neutrali perche’ neutrali non sono mai, perche’ prendono delle scelte politiche oppure facciamo partire questo governo del cambiamento non arretrando ma aggiungendo un’altra persona alla squadra: oltre al professore Savona aggiungiamo un’altra persona alla squadra che va a ricoprire con la stessa caratura e levatura il ruolo di ministro dell’Economia”. Cosi’ il leader M5s, Luigi Di Maio, in un video su Facebook.

“Lo possiamo fare ancora?- aggiunge Di Maio- Non dipende da noi. Il M5S ci sta, dipende dall’altra forza politica del contratto di governo. Se ci sta chiederemo noi come Movimento di far richiamare Conte al Quirinale e di fargli dare l’incarico. E’ una grande occasione”.

Governo, Salvini: “Spostare Savona? Porta mai chiusa”

La porta non l’ho mai chiusa. Sono l’unico che dal 4 marzo sta lavorando come un dannato per dare un governo a questo paese, però un governo con una dignità. Non è che se uno si alza male a Berlino o Parigi la mattina, salta un ministro di governo italiano. Come stiamo facendo dal 4 marzo faremo la scelta migliore per il paese, delle belle idee in testa ce l’abbiamo”. Così il leader della Lega Matteo Salvini ieri sera arrivando a Genova per la Partita del cuore rispondendo a una domanda dei cronisti sull’eventualità dello spostamento di Paolo Savona in un alto ministero del possibile governo Lega-M5s.

“Dal 4 marzo stiamo ragionando solo in termini di quello che serve all’Italia- prosegue Salvini- strana questa richiesta di spostamenti da un giorno all’altro perché un ministro dell’Economia non sta simpatico a Merkel o ai tedeschi. Valutiamo quanto possa essere utile agli italiani questo tipo di ragionamento e di spostamento parlandone ovviamente con il professor Savona, cosa che educazione vuole. Stiamo ragionando su una squadra forte per un progetto forte”.

31 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»