Molestie, Weinstein incriminato da un grand jury di New York

ROMA – Il “re di Hollywood” Harvey Weinstein, accusato di stupro e abusi sessuali, è stato incriminato da un grand jury di New York. lo riferiscono media americani. Il produttore, hanno riferito i suoi legali, ha preferito non testimoniare, dichiarando di non avere avuto il tempo sufficiente per prepararsi, visto che i dettagli inerenti le accuse sono emersi soltanto venerdì scorso, giorno in cui Weinstein si era consegnato alla polizia di New York venerdì scorso. 

A incriminare definitivamente il ‘re di Hollywood” accusato da oltre 80 attrici e donne del mondo dello spettacolo di molestie, sarebbero state due denunce di violenza sessuale: una dall’attrice Lucia Evans, obbligata nel 2004 a praticare del sesso orale al magnate, e l’altra di una donna che ha preferito rimanere anonima. Già nel marzo scorso la polizia di New York aveva dichiarato di essere in possesso di ‘prove considerevoli contro il produttore e di essere a un passo dal richiedere un mandato di arresto.

La cauzione da 1 milione di dollari

Weinstein venerdì scorso è stato quindi “arrestato per stupro, crimini sessuali ai danni di due diverse donne”. Il produttore più famoso d’America è stato però subito rilasciato dopo avere pagato una cauzione da 1 milione di dollari in contanti.  A Weinstein è stato ritirato il passaporto e gli è stato consegnato un braccialetto elettronico che sarà costretto ad indossare. 

 

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

31 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»