Governo, Velina Rossa: "Il treno per il voto potrebbe deragliare.." - DIRE.it

Politica

Governo, Velina Rossa: “Il treno per il voto potrebbe deragliare..”


ROMA – “Il treno che porta al voto anticipato potrebbe fare sosta in qualche stazione e non ripartire piu’“. A dirlo e’ la Velina Rossa, il foglio parlamentare di Pasquale Laurito.

La Velina osserva che “le speranze di Renzi di arrivare al voto in autunno confliggono evidentemente con lo stato dell’economia nel Paese. La ripresa debole, e la necessita’ di rispondere all’Europa sui conti pubblici, sono argomenti decisivi: sbaglia chi confida che dal Quirinale arrivi un tacito assenso ai piani del segretario Pd“.

Ma c’e’ un altro fattore che deve far riflettere. “Ieri Gentiloni ha esposto un ambizioso piano di investimenti pubblici per 47 miliardi di euro. Un’iniziativa- sottolinea Laurito- che e’ stata letta da piu’ parti come un modo per indurre il Partito democratico sulla opportunita’ di una crisi di governo in questo momento. Perche’ la tempistica e’ chiara: se il Pd non riuscira’ a provocare la crisi a luglio, dopo l’approvazione della legge elettorale, difficilmente riuscira’ a produrla dopo l’estate. In quella fase troverebbe chiuse e sbarrate le finestre per il voto anticipato”.

In questo clima, inoltre, “irrompono le elezioni amministrative. Siamo sicuri- chiede Velina Rossa- che il Pd avra’ da festeggiare dopo aver contato i voti nelle citta’ che vanno alle urne? A quanto ci e’ dato sapere, per i Democratici il 30 per cento e’ lontano, mentre avanzano i consensi per Grillo, che crescono quanto piu’ si fa strada nell’elettorato la convinzione che Renzi e Berlusconi si alleeranno per formare il futuro governo. Di fronte a cosi’ tante incognite, in molti, anche nello stesso partito di Berlusconi, ragionano sull’opportunita’ di tenersi il certo e rifiutare l’incerto. Con buona pace degli avventuristi”.

31 maggio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»