San Marino

Notte bianca, docenti e studenti “abbattono muri”

ateneo1_san marinoSAN MARINO – Oltre 25 eventi, tra lectio brevis, concerti, esibizioni, videomapping, degustazioni, inclusa l’osservazione della volta stellata con il telescopio: venerdì l’università della Repubblica di San Marino abbatte i muri e invade il centro storico per la seconda edizione della Notte bianca“. Dalla segreteria di Stato per la Cultura, a presentare la manifestazione e il suo programma sono oggi il segretario di Stato Giuseppe Maria Morganti, Michele Zannoni, direttore del Corso di Laurea triennale di Design e Sebastiano Bastianelli, direttore del Dipartimento Sciende umane. La cerimonia di apertura si terrà alle 15 all’Aula magna dell’Ateneo con gli interventi del Rettore Corrado Petrocelli e del segretario di Stato con delega all’Università, Morganti.

Muri, confini e limiti sono tre parole che hanno definito tutte le attività del programma- spiega Zannoni ai cronisti- e che oggi sono di grande attualità”. Così, dalle 15,30 partiranno le “Lectio brevis”, sempre in Aula magna, in cui i docenti relatori racconteranno queste tre parole in brevi lezioni. Momento clou delle conferenze sarà alle 18,30 la tavola rotonda “Muri, confini e limiti” che avrà come relatori Luciano Canfora, Giulietto Chiesa e Angelo Panebianco, che “spiegheranno- prosegue Zannoni- cosa sta succedendo ai confini dell’Europa e cosa significa chiudere i confini”. Ma “non resteremo dentro la sede dell’università e del monastero di Santa Chiara- chiarisce quindi Bastianelli- con molte iniziative in programma superiamo i nostri confini ed entriamo in città, con manifestazioni a Palazzo Graziani, alla Cava, sul Pianello”.

San Marino piazzaDi grande impatto saranno in particolare la danza aerea in verticale prevista per le 22,30 alla cava dei Balestrieri e ancora il video mapping sulla facciata di Palazzo Pubblico. Con la seconda edizione della Notte bianca “l’università raggiunge lo scopo di irrompere nella società- commenta il segretario Morganti- e fa anche riflettere la società sammarinese attorno al tema cruciale dei confini e dei muri, di grande attualità e su cui nessuno Stato, noi inclusi, può esimersi dal dare dei messaggi”. Per l’occasione, venerdì sera resteranno aperti il museo di Stato e i negozi del centro aderenti all’Usc che, in più, saranno addobbati in tema, con elementi di colore bianco, e riserveranno sconti agli studenti universitari. L’auspicio infine degli organizzatori è che alle iniziative dell’Ateneo partecipino tanti sammarinesi, ma anche visitatori e turisti.

31 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»