Fisco, Cgia: "Giugno mese nero delle tasse, verseremo 51 miliardi" - DIRE.it

Welfare

Fisco, Cgia: “Giugno mese nero delle tasse, verseremo 51 miliardi”

tasse ivaROMA – “Con giugno arriva il mese delle tasse. Entro il 16, infatti, tra Imu, Tasi, Irpef, addizionali sulle persone fisiche, Irap, Ires, Iva e Tari, le famiglie e le imprese verseranno al fisco 51,6 miliardi di euro“. Lo rileva la Cgia di Mestre. In termini assoluti, “il versamento che peserà maggiormente riguarderà le ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori che garantiranno alle casse del fisco 11 miliardi di euro”.

Con l’abolizione della Tasi sulla prima casa, “l’impegno economico più importante di quest’anno per le famiglie italiane verrà dal pagamento della prima rata dell’Imu-Tasi sulle seconde/terze case. Dei 10,2 miliardi di euro di gettito previsti dal pagamento della prima rata di queste due imposte gravanti su tutti gli immobili presenti nel Paese, quelli ascrivibili alle famiglie ammonteranno a circa 5 miliardi di euro”.

Altrettanto “oneroso” sarà il pagamento del saldo 2015 e dell’acconto 2016 relativo all’Ires. “Le imprese saranno chiamate a versare poco più di 8,5 miliardi di euro. Tuttavia, le aziende con dipendenti beneficeranno di un minore peso fiscale Irap, grazie all’eliminazione dalla base imponibile del costo del lavoro. Novità, quest’ultima, introdotta con la legge di Stabilità 2015 (e applicata dal periodo di imposta 2015) che vale circa 5,6 miliardi di euro”. L’Irpef, in capo ai lavoratori dipendenti ai pensionati e ai lavoratori autonomi, invece, “assicurerà all’erario 4 miliardi di euro”.

“Oltre ad avere un carico tributario e contributivo tra i più elevati d’Europa- commenta il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia Paolo Zabeo- in Italia è estremamente difficile anche pagare le tasse. La complessità e la farraginosità del nostro sistema tributario spesso deprime perfino gli addetti ai lavori, come i commercialisti o gli addetti ai Caf. Figuriamoci gli imprenditori, in particolar modo quelli di piccola dimensione, che sono costretti in queste settimane a recuperare le risorse economiche per onorare questo impegno e a districarsi tra le code agli sportelli, il tempo perso per recarsi dal proprio commercialista o per ritrovare/compilare moduli, registri e bollettini vari”. Ma, conclude la Cgia, “le cattive notizie non finiscono qui. Anche nel mese di luglio è prevista una scadenza fiscale molto importante: tra Irpef, addizionali, Ires, Irap e Iva, i contribuenti italiani dovranno versare all’erario 38 miliardi di euro“.

31 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»