Famiglia, Spadafora (M5s): “Verona un boomerang per la Lega. Se cade il governo è responsabilità loro”

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio in tv sottolinea l'errore di Verona e l'autogoal di Salvini sulle adozioni. Poi mette in chiaro: "Se la Lega si attiene al contratto di governo, bene. Se decide altro sarà sua responsabilità"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 ROMA – “Andare al congresso delle famiglie di Verona è stato un boomerang per la Lega“, dice il sottosegretario alla presidenza del consiglio Vincenzo Spadafora a Mezz’ora in più. “L’incontro di Verona ha dato sfogo a una serie di istinti omofobi e razzisti di cui questo paese non ha bisogno. Come se pensassero che diminuendo i diritti di tutte le altre realtà sociali loro possano vivere meglio”, dice ancora Spadafora.

A chi gli domanda dell’adesione alla Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, poi, Spadafora spiega: “Sarebbe paradossale che io come sottosegretario non me ne occupassi”.

LEGGI ANCHE: Congresso famiglie, Di Maio: “A Verona chi vuole negare i diritti degli altri”

“AUTOGOAL SALVINI SU ADOZIONI, STIA SULLE CARTE”

Roma-Verona 2 a 0, con autogoal del ministro Salvini”, dice Spadafora sintetizzando il dibattito in maggioranza sulla famiglia, sulla falsariga dei due eventi di ieri che vedevano la partecipazione di Salvini (il congresso delle famiglie di Verona) e di Di Maio (l’evento sui giovani del M5s a Cinecittà).

L’autogoal di Salvini, spiega Spadafora, sta nell’aver dimenticato che il destinatario delle delega sulle adozioni è il ‘suo’ ministro Fontana. “Per questo c’è stato il richiamo da palazzo Chigi a stare più sulle carte, piuttosto che andare solo in giro a fare propaganda”.

LEGGI ANCHE: Salvini a Verona: “La legge 194 non si tocca”. Ma è scontro con Di Maio su ritardo adozioni

“RESPONSABILITÀ DELLA LEGA SE LO FARÀ CADERE”

“Se la Lega si attiene al contratto di governo, bene. Se dovesse decidere altro sarà una responsabilità della Lega far cadere il governo”, aggiunge ancora Spadafora a Mezz’ora in più.

“GANDOLFINI SFIDUCIA FONTANA, A NOI NON INTERESSA”

“Noi del consenso di Gandolfini ce ne facciamo molto poco. Non ci preoccupa che non stia dalla parte dei Cinque stelle”, dice il sottosegretario alla presidenza del consiglio Vincenzo Spadafora a Mezz’ora in più.

“Mi sembra piuttosto che Gandolfini abbia di fatto sfiduciato il ministro Fontana”, aggiunge Spadafora.

“NOI E LEGA DIVERSI. IL PD? UNA COSA NATA STANCA”

Lei ha detto che in futuro non farete alleanze con la Lega. “Io dico questa cosa della Lega per rimarcare che siamo differenti e rappresentiamo un’alternativa”, spiega il sottosegretario alla presidenza del consiglio Vincenzo Spadafora parlando ancora a Mezz’ora in più.

Ma allora con chi vi alleate, con il Pd? “Il Pd di Zingaretti mi sembra gia’ una cosa nata stanca. Lo si vede da come si sono presentati. Zingaretti a sinistra, Calenda a destra. Forse probalbilmente arriverà Renzi e sconfiggerà entrambi“.

LEGGI ANCHE:

 VIDEO | Congresso mondiale delle famiglie, Amato: “Abolire divorzio, 194, eutanasia e unioni civili”

L’avvocata della Sacra Rota contro il Congresso di Verona: “Altro che Cattolicesimo, manipolano il Vangelo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

31 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»