Violenza donne, Bongiorno: “Isterica? Non ho nulla di cui scusarmi”

Il ministro della Pubblica amministrazione torna su quel termine, isterica, che l'altro giorno ha scatenato un putiferio. E non si scusa.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Quell’’isterica’ non è mio. Moltissimi detrattori della norma Codice Rosso che ho incontrato sulla mia strada, nell’insistere sulla tesi secondo cui molte delle donne che denunciano una violenza in realtà non l’hanno subita, citano sempre quella parola. ‘E se è un’isterica?’, ‘Perdiamo tempo a causa di un’isterica?’, cose così. Per me, tutte le donne che denunciano una violenza vanno sentite entro tre giorni, poi si vede se chi denuncia dice la verità o calunnia”. Il ministro Giulia Bongiorno torna su quel termine, isterica, usato da lei due giorni fa a proposito delle donne che denunciano falsamente una violenza.

La rete si è rivoltata, con pioggia di critiche e accuse al ministro, che molti hanno tacciato di essere contro le donne. Bene, oggi Bongiorno torna sull’argomento per dire che no, non si pente per niente. E che il termine lo ha usato solo per averlo sentito usare da altri, non perchè sia una sua scelta linguistica.

LEGGI ANCHE: Giulia Bongiorno e le “donne isteriche” che il Codice rosso permette di individuare. È bufera

“Non ho nulla di cui scusarmi”

Quindi “non ho nulla di cui scusarmi, questa volta. E glielo dico col cuore. Sono rimasta intrappolata nella rapidità a cui in quest’epoca i social, ma lo stesso vale per la tv, ci costringono“.

“L’ho sentito dire da altri, io l’ho solo citato”

Giulia Bongiorno, ministro per la Pubblica amministrazione, intervistata dal Corriere della Sera torna sul tweet nel quale parlando del Codice Rosso scriveva che tre giorni servono a stabilire ‘se si ha a che fare con un’isterica o con una donna in pericolo di vita’. Una donna che calunnia è ‘un’isterica’? “No, è una calunniatrice. Isterica fa parte del mio vocabolario solo come citazione altrui“, precisa Bongiorno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

31 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»