A Rimini oggi inaugurata la passerella al ponte di Tiberio

RIMINI – La passerella sospesa lungo le mura del porto di Rimini è aperta da stamane ed è un “patrimonio di bellezza” che “va offerto alla gente, alla città, perché crea comunità”. E al turista “è offerto in un percorso che va da Rimini Caput Viarium, al Fulgor, Piazza Malatesta e Castel Sismondo, fino al Teatro Galli che riapriremo presto e che darà altre certezze sulle prospettive della città”. Così, il sindaco Andrea Gnassi ha commentato il taglio del nastro della nuova passerella che corre lungo il lato delle mura in sponda destra sul lato centro storico. Con lui l’assessore ai Lavori pubblici Jamil Sadegholvaad, i tecnici comunali che hanno progettato e seguito i lavori, i rappresentanti delle ditte impegnate.

“Quando c’è un segno identitario, un’opera importante come questa che viene consegnata alla città- ha aggiunto il primo cittadino- ci riappropriamo anche di un senso di appartenenza. Questo intervento ci ricongiunge con la nostra memoria e con la nostra identità e ci serve per andare avanti, per guardare al futuro”. Rimini, ha poi proseguito, “sta investendo sulle sue radici ed è attraverso il proprio patrimonio che si potrà generare lavoro, economia e allo stesso tempo, cura, bellezza e senso di appartenenza”. Con quest’opera “abbiamo tracciato una direzione per il futuro, cambiando modello di sviluppo. Questo camminamento non è un’opera a se stante ma è parte di un’idea di città, è inserito in un progetto complessivo”.

Infatti, ha ricordato ancora Gnassi, è tutto collegato: “La ciclabile da qui arriverà al Parco Marecchia, poi all’Ina Casa. L’anello verde continuerà ai Padulli, passerà sotto la statale 16, dove sono previsti i sottopassi ciclopedonali alla Grotta Rossa, a Covignano, poi l’Anello Verde che prosegue verso Villaggio I Maggio, il parco della Cava, parco Cervi e via, fino a piazzale Kennedy”.

31 Marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»