Emilia Romagna

I Rockin’1000 non si fermano: a luglio un concerto intero allo stadio

cesena_24 luglio_rockin'1000

BOLOGNA – Dopo la sfida vinta di portare i Foo Fighters in Romagna, lo staff del Rockin’1000 ci riprova. E punta ancora più in alto. Oggi è stato dato l’annuncio del nuovo evento: il 24 luglio prossimo, allo stadio Manuzzi di Cesena. L’obiettivo è realizzare “il primo live della più grande rock band del mondo“. Sempre mille musicisti, ma questa volta “in un concerto intero” dentro lo stadio, non dedicato a un singolo artista ma “ripercorrendo i brani che hanno fatto la storia del rock”.

rockin'1000 zaffagniniPer organizzarlo, serviranno 100.000 euro da trovare tramite crowdfunging. Per contribuire si può pre-ordinare il biglietto per assistere allo spettacolo, finanziando così il nuovo progetto. “L’anno scorso abbiamo vinto una sfida insieme praticamente impossibile- dice l’organizzatore Fabio Zaffagnini, nel video annuncio pubblicato sui social network- quest’anno tentiamo qualcosa di ancora più grandioso: mille musicisti, un concerto intero, in uno stadio tutto per noi. Il primo live della più grande rock band del mondo. Ripartiamo da dove ci siamo fermati”. La ‘scaletta’ prevede 20 brani e tre giorni di prove prima del concerto.

rockin'1000Riaperta anche la caccia ai musicisti: oltre a cantanti, bassisti, chitarristi e batteristi, questa volta si cercano anche tastieristi e violinisti. Il 26 luglio 2015, al parco Ippodromo di Cesena, il progetto Rockin’1000 riunì mille musicisti per suonare tutti insieme ‘Learn to fly dei Foo Fighters. L’esibizione fu ripresa, per convincere Dave Grohl e soci a suonare a Cesena. Il video dell’evento fece il giro del mondo, convincendo la band americana ad aprire la sua tournèe europea proprio al palazzetto dello sport di Cesena, nel novembre scorso. Ad oggi, il video di ‘Learn to fly’ fatta dai Mille ha superato il tetto delle 30 milioni di visualizzazioni di Youtube.

di Andrea Sangermano, giornalista professionista

31 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»