AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Ostia, danneggiato il monumento dedicato a Pasolini nell’Oasi della Lipu

43b2be119c3a7799c2c76ee2deec760c

ROMA – Nella mattinata di oggi i volontari della Lipu che gestiscono l’oasi Chm – Centro Habitat Mediterraneo, nei pressi dell’Idroscalo di Ostia, hanno scoperto i gravi danni inferti al monumento a Pier Paolo Pasolini e al relativo percorso letterario situato all’interno dell’Oasi. L’opera, realizzata dallo scultore Mario Rosati, è stata fortemente danneggiata, con lastre e vetri spaccati e frasi ingiuriose contro la memoria del poeta. I volontari della Lipu, guidati al consigliere nazionale dell’associazione Alessandro Polinori, hanno segnalato l’evento alle forze dell’ordine, che stanno facendo i primi rilievi. “E’ un fatto di particolare gravità- commenta il presidente della Lipu, Fulvio Mamone Capria- organizzato da persone che predicano e praticano la violenza e la sopraffazione e non si fermano nemmeno dinanzi alle pacifiche testimonianze della memoria. Sono eventi che certamente spaventano ma che, pur contraddistinti dalla violenza della distruzione fisica, sono privi della forza di fermare la cultura, specie quella della poesia, del dialogo, dell’apertura al mondo. Contribuiremo a rimettere le cose a posto, anche attraverso un evento simbolico speciale, e continueremo a difendere le testimonianze di pace e cultura come da sempre facciamo con quelle della natura”.

“Da oltre 15 anni gestiamo l’Oasi- afferma Alessandro Polinori, consigliere nazionale della Lipu e responsabile del Chm di Ostia- e mai era mai accaduto alcun episodio, meno che mai così violento. Lo sdegno si mescola alla sorpresa, anche perché visitatori da tutto il mondo giungono in quest’area, naturale e culturale al tempo stesso, per ammirarne la bellezza della natura salvata e dedicare un ricordo all’intellettuale e poeta Pasolini”. Con l’istituzione dell’oasi della Lipu, nata a fine anni Novanta dopo una grande battaglia ambientalista condotta contro la realizzazione di un devastante e diseducativo oceanario, il tratto di Idroscalo in cui Pasolini trovò drammaticamente la morte- dopo decenni di abbandono tra discariche, abusivismo e animali al pascolo– è stato progressivamente recuperato dai volontari dell’associazione ambientalista, dapprima con un’accurata bonifica e successivamente con la realizzazione di una ricostruzione ambientale di una laguna mediterranea (oggi regno di aironi rossi, tarabusini, morette tabaccate e cigni reali). Al centro dell’area, vi è appunto il “Giardino letterario Pier Paolo Pasolini“, comprendente il rifacimento della stele di Mario Rosati e la realizzazione di percorsi bibliografici e letterari, realizzati grazie all’intervento del Comune di Roma, conclude la Lipu.

31 marzo 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988