Seawatch a Catania, l’Ong: “Finito calvario per i nostri ospiti”

I minori resteranno a Catania. Gli adulti saranno trasferiti in pullman nell'hotspot di Messina.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La nave della Sea Watch con a bordo 47 migranti, tra cui 15 minori, ha raggiunto il porto di Catania. “La SeaWatch è arrivata a Catania. Siamo contenti che il calvario sia finito per i nostri ospiti. Auguriamo loro il meglio. Speriamo che l’Europa possa accoglierli e permettergli di vivere come meritano”, scrive il profilo twitter della Ong tedesca. I minori resteranno a Catania. Gli adulti saranno trasferiti in pullman nell’hotspot di Messina.

CIRINNA’: SEA WATCH ENTRA FINALMENTE IN PORTO CATANIA

“La Sea Watch3 entra finalmente nel porto di Catania scortata dalla Diciotti Una buona notizia. Ma per le persone a bordo il calvario non è finito, inizia quello con la burocrazia a #zeroumanità @rampi”. Lo scrive su twitter Monica Cirinnà, senatrice Pd.

SEA WATCH, SALVINI: MISSIONE COMPIUTA E PROBLEMA RISOLTO

“Missione compiuta! Mentre gli altri chiacchierano e denunciano, la nostra linea della fermezza ha portato otto paesi europei (Germania, Lussemburgo, Romania, Francia, Portogallo, Lituania, Malta e Spagna) a farsi carico dell’accoglienza degli ospiti a bordo della Sea Watch3. Rimane l’auspicio che l’autorità giudiziaria prenda in considerazione le ripetute irregolarità a carico della ong tedesca, mentre sottolineo con rammarico l’assoluta mancanza di collaborazione del governo olandese nonostante lo yacht (perché così è registrato in Olanda) navighi con la bandiera di quel paese”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

31 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»