In attesa di ‘The Post’, Sky dedica una settimana ai successi di Steven Spielberg

ROMA -A 24 ore dall’uscita nei cinema del film candidato all’Oscar ‘The Post’Sky Cinema Hits (canale 304) ha deciso di omaggiare il suo regista, Steven Spielberg, con una settimana di programmazione interamente a lui dedicata.

Partirà il 31 gennaio per terminare il 4 Febbraio la ‘Spielberg Mania’, la programmazione tematica che sarà impreziosita dalla messa in onda in prima visione di “Spielberg”, il documentario firmato HBO sulla vita del cineasta.

La pellicola, che andrà in onda mercoledì 31 gennaio alle 21.15, racconta l’anima del regista americano attraverso curiosità ed interviste esclusive a star del calibro di Leonardo Di Caprio, Harrison Ford, Tom Hanks, Dustin Hoffman e Martin Scorsese.

I capolavori di Spielberg

Sky Cinema Hits riproporrà quindi i film che hanno segnato la gloria del regista, dai primi successi come la pellicola fantascientifica (vincitrice di due Oscar®) “Incontri ravvicinati del terzo tipo” con Richard Dreyfuss e François Truffaut e il fantasy “Hook- Capitano Uncino” con Robin Williams e Dustin Hoffman, al più recente “GGG – Il grande gigante gentile”, con Mark Rylance e Penelope Wilton.

Non mancheranno titoli imperdibili come A.I- Intelligenza artificiale, basato su un progetto di Stanley Kubrick, con Jude Law e Haley Joel Osment; il fantasy thriller “Minority Report”, con Tom Cruise e Colin Farrell; le commedie “The Teminal” e “Prova a prendermi”; il film storico “Munic” con Daniel Craig e Geoffrey Rush; e il pluripremiato “Salvate il soldato Ryan” (vincitore di 5 premi Oscar® e 2 Golden Globes) con Tom Hanks, Matt Damon e Edward Burns.

Inoltre, ad arricchire la programmazione (e disponibile anche su Sky On Demand), anche uno speciale dedicato al film The Post con un’esclusiva intervista di Sky Cinema al regista Steven Spielberg e ai due attori Tom Hanks e Meryl Streep.

31 gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»