Calcio. E’ morto Azeglio Vicini, ct di Italia ’90

ROMA – È stato il ct delle ‘Notti magiche’ di Italia ’90, arrivato a un passo dalla finale della Coppa del Mondo. È morto, a Brescia, Azeglio Vicini, a 84 anni (85 li avrebbe compiuti il 20 marzo). Prima di salire in prima squadra, come successore di Enzo Bearzot, e di rifondare la Nazionale dopo Messico ’86, Vicini guidò una Under 21 molto amata, popolare e ricca di talento.

Proprio al momento di diventare ct della Nazionale maggiore, portò con sé proprio quel gruppo di giovani giocatori con i quali aveva fatto tanto bene: i vari Giannini, Vialli, Mancini, Donadoni, Zenga, De Agostini.

Con la Nazionale maggiore, quindi, arrivò al terzo posto battendo nella finalina l’Inghilterra al San Nicola di Bari, dopo la sconfitta beffa al San Paolo di Napoli con l’Argentina di Diego Maradona, vittoriosa ai rigori dopo l’1-1 dei tempi regolamentari.

31 Gennaio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»