AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE europa

Migranti, Avramopoulos (Ue): “Italia non più sola, 500 milioni fino al 2020”


ROMA – “Encomiabile” e “ammirevole” il ruolo dell’Italia nella gestione della crisi migratoria, per questo la Commissione europea “ribadisce il suo sostegno nell’affrontare questa crisi”. Lo dice Dimitris Avramopoulos, Commissario europeo per la migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, rivolgendosi alle Commissioni riunite Affari Costituzionali, Esteri e Politiche dell’Ue di Camera e Senato, sulle politiche europee in materia di migrazioni.

Avramopoulos traccia rapidamente i contorni di tale fenomeno, “globalizzato e interconnesso”: “nel mondo 60milioni di persone sono costrette a spostarsi, molti fuggono da guerra e terrorismo, altri sono nati nei campi profughi. L’Europa è stata coinvolta da questo movimento di esseri umani: solo nel 2016 un milione e duecentomila persone hanno chiesto asilo. In Italia sono arrivate 181.436 persone via mare. Nonostante queste cifre senza precedenti- osserva il Commissario europeo- gli italiani si sono dimostrati all’altezza della crisi. Tuttavia, sono convinto che nessun paese dovrebbe essere lasciato solo. E’ necessaria una risposta europea”.

Quindi elenca  il sostegno fornito da Bruxelles all’Italia: “da quest’anno al 2020 l’Italia riceverà 500 milioni di euro. Altri 2,5 milioni di euro saranno destinati alla mediazione sociale e per l’assistenza ai minori non accompagnati. Nel 2016- prosegue- sono stati già erogati 40 milioni di euro, che portano a 63milioni l’ammontare dei fondi europei per la gestione della crisi dal 2015″. Infine, ricorda “il sostegno tecnico e logistico fornito dalle agenzie Ue, come i corpi di frontiera e la guardia costiera comune”. Tutto però è migliorabile.

Serve inoltre accelerare il meccanismo della ricollocazione, “soprattuto dall’Italia. Ad oggi ne sono stati ricollocati 2.735, 764 solo a dicembre (tra cui non c’è nessuno minore non accompagnato). Ma l’obiettivo a cui stiamo lavorando- assicura Avramopoulos- è di ricollocarne dall’Italia almeno 1000 al mese, per poi raggiungere quota 1.500 a partire da aprile”.

Dal canto suo, secondo il Commissarioe Ue, l’Italia “deve rafforzare la politica dei rimpatri dei migranti irregolari, e far in modo che, a coloro a cui viene notificata la procedura di rimpatrio, non sia permesso di eludere tale provvedimento”, restando sul territorio italiano. Sulla riforma dell’Accordo di Dublino, Avramopoulos assicura che il lavoro prosegue e auspica che “un compromesso sia raggiunto nell’ambito della presidenza maltese, intorno al principio che nessuno stato va lasciato solo”.

Infine, uno sguardo al lavoro fatto fino ad oggi: se da un lato “le reti degli scafisti nel Mediterraneo orientale sono state interrotte, gli arrivi in Grecia sono diminuiti così come attraverso l’Europa centrale”, la crisi non è risolta: “bisogna bloccare la rotta attraverso il Mediterraneo centrale nonché i flussi che partono dall’Africa“.

Su quest’ultimo punto, evidenzia il Commissario Ue per la migrazione, “l’Ue sta lavorando per intavolare la collaborazione coi paesi di partenza e transito proprio a partire dalla proposta italiana”, in riferimento al Migration Compact, e “già con la Libia sono stati avviati dei colloqui”, conferma. “Solo così ridurremo le traversate illegali e i morti“. Infine, “la capacità europea di integrare i migranti sarà direttamente proporzionale ai vantaggi che apporterà in termini di sostegno demografico e stimolo allo sviluppo industriale dell’Unione”.

di Alessandra Fabbretti

31 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988