Martina: “Manovra pericolosa, ora mobilitazione in tutto il paese”

“Con il lavoro fatto in questi giorni- prosegue Martina- stiamo rilanciando la mobilitazione nel Paese. Saremo in tutte le piazze anche il prossimo 12 gennaio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Stiamo facendo di tutto contro la squallida propaganda del governo, di cui questa manovra è un esempio”. Così Maurizio Martina, segretario uscente e candidato alla segreteria del Partito democratico, in una intervista a Repubblica.

“Con il lavoro fatto in questi giorni- prosegue Martina- stiamo rilanciando la mobilitazione nel Paese. Saremo in tutte le piazze anche il prossimo 12 gennaio. Saranno manifestazioni aperte a tutti coloro che vogliono protestare contro le scelte fatte con la manovra. Saremo a fianco dei cittadini che dicono no alla deriva presa dal governo e per costruire una alternativa: pensionati, studenti, imprese, professioni. Al di là delle chiacchiere dei due vice premier, che hanno fatto scelte pericolose e ingiuste”.

“MAGGIORANZA HA IMPEDITO DISCUSSIONE, È INAUDITO”

“Leghisti e grillini stanno insieme solo per un interesse di potere senza visione e prospettiva. È un matrimonio di interesse della peggiore specie: i contenuti della manovra sono pensati solo per cercare una squallida propaganda di giornata”. Così Maurizio Martina, segretario uscente e candidato alla segreteria del Partito democratico, in una intervista a ‘la Repubblica’.

“Credo- prosegue Martina- che abbiano deciso di inquinare i pozzi e di lasciare, tra clausole di salvaguardia e conti in disequilibrio, un conto salato da pagare. Le tensioni in Aula sono state generate da una gestione sbagliata dell’aula da parte del presidente Fico e di una maggioranza che ancora ieri anziché assumersi la responsabilità di un confronto, si è voltata da un’altra parte e ha impedito alle opposizioni di discutere nel merito la legge di Bilancio. È giusta l’iniziativa dei senatori di presentare ricorso alla Corte. Che la più importante legge dello Stato, la legge di Bilancio, non sia stata discussa dal potere legislativo, è inaudito”.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»