Lazio

Flop targhe alterne a Roma: dopo 2 giorni Pm10 non calano

smog_trafficoSolo tre centraline a Roma hanno registrato, ieri, al termine del secondo giorno di targhe alterne, valori di Pm10 entro i limiti di 50 microgrammi al metro cubo. Mentre le polveri sottili hanno abbondantemente superato la soglia in 10 casi, con il record negativo, ancora una volta, a Cinecittà. E’ quanto sentenziano i dati dell’Arpa Lazio contenuti nell’odierno bollettino sulla qualità dell’aria riferito alla giornata del 29 dicembre.

Per il secondo giorno consecutivo, dunque, i livelli delle polveri sottili non sono calati nonostante i provvedimenti del Campidoglio per limitare la circolazione a targhe alterne. Solo in 3 casi il livello dell Pm10 è stato registrato sotto i limiti: a Malagrotta (con un valore di 49 microgrammi/m3), a Castel di Guido (con un valore di 37 microgrammi/m3) e a villa Ada (con un valore di 50 microgrammi/m3).

Per tutte le altre centraline il livello di polveri sottili è rimasto più o meno lo stesso di lunedì, con un leggero calo in alcuni casi ma anche un risicato aumento in altri. Il record negativo, come detto, spetta a Cinecittà, con un valore di 89 contro i 91 di lunedì. Segue la centralina di Tiburtina, con un valore di 69, in calo rispetto ai 76 del 28 dicembre, ma poi ecco quella di largo Preneste, che cresce invece di diminuire, con un valore di 68 contro i 67 di lunedì.

La centralina dell’area storica della città, quella di largo Arenula, ha toccato un valore di 52 (contro i 58 di lunedì), quella di via Cipro 54 (contro 57), quella della Bufalotta 60 (contro 59), quella di Fermi resta a 51, lo stesso valore di lunedì, e quella di corso Francia registra una situazione analoga restando fissa ad un valore di 58 microgrammi/m3. Ed ancora: la centralina di via Magna Grecia tocca 55 (contro 56 di lunedì) mentre quella a Cavaliere è salita a 68 dopo i 66 di lunedì. Oggi stop alle targhe alterne: la viabilità torna alla sua normalità.

 

di Emiliano Pretto

30 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»