AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE ambiente

Enea: ecco il primo impianto eolico realizzato nella Base italiana in Antartide

ROMA – Il vento e’ di nuovo protagonista in Antartide. Non solo come motore del clima ma anche come elemento propulsore del primo impianto eolico realizzato nella Base italiana Mario Zucchelli a Baia Terra Nova, che dal 1985 ospita il laboratorio scientifico del Pnra, il Programma nazionale di ricerche in Antartide, finanziato dal ministero dell’Istruzione, Universita’ e ricerca con l’attuazione logistica dell’Enea e il coordinamento scientifico del Cnr. Progettata e realizzata dall’Enea, questa prima centrale eolica sfruttera’ i forti venti catabatici (dal greco katabatikos, “che va verso il basso”, ndr) per produrre circa 63mila kiloWattora di energia elettrica l’anno, con notevoli benefici ambientali ed economici grazie a risparmi annui di almeno 24mila litri di combustibile e di quasi 80mila euro (calcolato con un prezzo per fornitura in sito pari a circa 3 euro/lt) in ‘bolletta’. “Questa stazione eolica- spiega Sergio Sgroi dell’Enea– si configura come un upgrade logistico reso possibile grazie al Servizio Ingegneria dell’Unita’ Tecnica Antartide dell’Enea, che ha seguito l’analisi progettuale, la posa in opera e i lavori di interconnessione dell’impianto con la centrale endotermica della base, attualmente alimentata con un particolare combustibile fossile, il Jet A-1, un kerosene avio addizionato con uno speciale inibitore di congelamento”.

L’impianto consiste di 3 generatori eolici alti circa 10 metri, ciascuno composto da un rotore di 7 metri e da turbine tri-pale di 5 metri ad asse verticale

I lavori di realizzazione sono iniziati nel 2015 e si concluderanno con un avviamento sperimentale nel corso dell’attuale campagna estiva, la XXXIII del Pnra. Una volta a regime, le tre torri eoliche riusciranno a coprire il fabbisogno di elettricita’ della base italiana durante l’intero inverno antartico. “Nella stagione invernale- aggiunge Sergio Sgroi dell’Enea– la stazione italiana non e’ piu’ presidiata e quindi il fabbisogno energetico e’ minore, ma resta essenziale mantenere in funzione i sistemi di comunicazione satellitari, le stazioni scientifiche e meteo e garantire il riscaldamento di alcuni locali adibiti a deposito per le apparecchiature sensibili. Durante i lunghi mesi dell’inverno antartico, la centrale endotermica della stazione rimarra’ comunque in stand-by e subentrera’ per tamponare eventuali situazioni di emergenza o per compensare la variabilita’ della generazione eolica quando questa non e’ gestibile dalle batterie di accumulo”. Durante il periodo estivo, il consumo energetico della base si attesta su livelli decisamente superiori (circa 200 kiloWattora), e quindi l’impianto eolico lavorera’ in parallelo con la centrale a combustibile fossile.

“Al momento non e’ possibile abbandonare totalmente l’energia elettrica prodotta da combustibile”

“Al momento- conclude Sergio Sgroi dell’Enea– non e’ possibile abbandonare totalmente l’energia elettrica prodotta da combustibile fossile e impiegare solo energia eolica, data la forte instabilita’ del vento antartico che non sempre e’ produttivo a fini energetici, perche’ assente o troppo leggero o troppo forte per i limiti di resistenza meccanica delle turbine eoliche”. L’impianto, fornito dall’azienda Ropatec srl di Bolzano in collaborazione con lo Studio Bissanti, e’ stato personalizzato scegliendo materiali e soluzioni tecniche specifiche per climi particolarmente freddi e trasferito in base via mare, con la motonave oceanografica-cargo Italica nel corso delle traversate fatte nelle ultime due campagne antartiche. La scelta del sito e la realizzazione delle fondazioni sono state effettuate dopo un’analisi georadar eseguita dai geologi ricercatori della Stazione Mario Zucchelli. Ma e’ soprattutto il funzionamento in sicurezza dell’impianto eolico durante l’inverno antartico, in assenza di presidio umano, a rappresentare la principale sfida tecnologica. “È allo studio la possibilita’ di stabilire un monitoraggio e un telecontrollo da remoto– chiarisce Francesco Pellegrino dell’Enea– in modo da garantire l’ottimizzazione dei parametri funzionali, assicurare una gestione adeguata degli allarmi e l’eventuale messa in sicurezza dell’impianto in caso di malfunzionamento o guasto tecnico”. Altre difficolta’ intrinseche alla gestione della centrale sono legate alle condizioni estreme del sito che e’ caratterizzato dai forti venti catabatici e dalle basse temperature invernali. Queste presentano minimi stagionali fino a -40°C e possono determinare formazione di ghiaccio sulle pale e sulle altre componenti del rotore.

“I venti catabatici, che dall’altopiano antartico precipitano verso la linea di costa, con picchi anche superiori a 100 nodi (185 Km/h), hanno un potenziale distruttivo che non puo’ essere trascurato. Tutto cio’- continua Pellegrino- ha imposto un’attenta valutazione progettuale della struttura meccanica e delle parti in movimento, in particolare nella scelta dei materiali, nel dimensionamento dei componenti e nella realizzazione delle opere di fondazione”.

30 novembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988