Bookmaker e scommettitori d'accordo sul referendum: il No è favorito - DIRE.it

Politica

Bookmaker e scommettitori d’accordo sul referendum: il No è favorito

leopolda7ROMA – Bookmaker e scommettitori la pensano alla stessa maniera e per il referendum costituzionale puntano sul No. È quanto si evince dal sito oddschecker.com, portale che tiene sotto controllo le variazioni di quote e i flussi di gioco dei principali bookmaker internazionali. E dunque, a pochi giorni dal voto, da una parte e dall’altra del banco scommesse, la tendenza va nella stessa direzione.

Da una parte, riferisce Agipronews, i bookmaker hanno tagliato nell’ultima settimana le quote sulla vittoria del No: da 1,29 a 1,25 secondo la sigla Ladbrokes, da 1,36 a 1,30 su Paddy Power, da 1,36 a 1,29 su SkyBet. Di contro sale la quota per il Sì, che oscilla tra 3,25 e 3,75, diversamente da qualche giorno fa, quando la punta massima nelle quote era 3,50.

Sensibile margine di vantaggio per il No anche nelle preferenze degli scommettitori, secondo i flussi di gioco analizzati da oddschecker su siti esteri  (in Italia non è possibile accettare scommesse su eventi politici nazionali): il 59,25% ha puntato sul No, il 40,75% sul Sì.

30 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»