A Bologna 300.000 euro l'anno per i danni ai giochi nei parchi - DIRE.it

Emilia Romagna

A Bologna 300.000 euro l’anno per i danni ai giochi nei parchi

giochiBOLOGNA – Gli atti vandalici contro i giochi presenti nei parchi di Bologna costano al Comune tra i 250.000 ed i 300.000 euro all’anno per interventi di riparazione o sostituzione, cioè almeno la metà dei 500.000 euro stanziati per la manutenzione straordinaria di queste strutture (non includendo dunque l’attività di monitoraggio, che comporta sette verifiche annue sulla funzionalità e la sicurezza). E’ la situazione fotografata oggi in commissione dal direttore del settore Ambiente di Palazzo D’Accursio, Roberto Diolaiti.

C’è un caso, su tutti, che dà un’idea di quanto possano pesare i vandalismi sui giochi: nei mesi scorsi qualcuno ha pensato di dar fuoco all’area giochi di via Larga, nei pressi del centro commerciale “Il pianeta”, provocando in un solo colpo danni per 50.000 euro. “E’ la terza volta che succede. Evidentemente a qualcuno dà fastidio che i bambini vadano a giocare lì“, commenta amareggiato l’assessore ai Lavori pubblici, Riccardo Malagoli.

E non sempre i giochi si riescono a sistemare o rimpiazzare. Nel corso del mandato precedente, riferisce Diolaiti, il patrimonio è calato da circa 1.350 a 1.200 strutture ludiche: la differenza è data dai casi in cui i giochi non potevano essere più riparati ed erano collocati in aree verdi con “bassissima” fruizione da parte dei cittadini. Ma se anche sono calati, i giochi presenti a Bologna “sono comunque tantissimi”, rivendica Diolaiti: basti pensare che Torino, pur avendo quasi un milione di abitanti e dunque più del doppio di Bologna, di giochi pubblici “nè ha quasi quanti ne abbiamo noi”.

di Maurizio Papa

30 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»