Federalberghi a Deiana: “Non tocca a noi sostituire Regione su questione Ryanair”

alitalia ryanair aerei aeroporti

CAGLIARI – “Tutto il comparto ha dato la massima disponibilità per prendere una posizione attiva sulla questione Ryanair, ma allo stesso tempo ci poniamo delle domande importanti: dobbiamo sostituire noi la Regione quando si tratta di un problema di accessibilità del territorio dell’isola? Ricordiamo che l’accessibilità indispensabile per fare accoglienza è un diritto di ogni sardo e non solo dei turisti”.

Replica così il presidente regionale di Federalberghi Paolo Manca alle dichiarazioni rilasciate dall’assessore regionale ai Trasporti Massimo Deiana a un’emittente regionale, sulla “fuga” di Ryanair dagli aeroporti dell’isola. L’assessore ha suggerito come “rimedio” un impegno diretto da parte degli albergatori, degli esercenti turistici e degli esercenti della ristorazione, perché “beneficiano in maniera rilevate dell’aumento dell’arrivo dei turisti”. Da qui la replica di Manca, che sottolinea anche come Federalberghi Sardegna debba fare i conti con un abusivismo che di fatto assorbe oltre il 60 per cento degli arrivi dei turisti.

“La richiesta del nostro intervento sarebbe giustissima nel caso in cui tutto il turismo confluisse in aziende legali- spiega- ma come più volte denunciato, oltre due terzi degli arrivi viene assorbito dagli abusivi. Un problema per il quale attendiamo ancora la legge regionale. Vorremmo evitare la beffa di contribuire ad un iniziativa che per 2/3 agevola i nostri concorrenti abusivi”. Manca si interroga poi su quanto fatto negli ultimi anni per gestire al meglio i trasporti regionali. “È possibile che in dieci anni di continuità di gestione della politica dei trasporti pubblici non sia stato messo a punto un piano preciso per l’organizzazione dei low cost e dell’accessibilità in genere?- conclude-. Questo taglio dei voli porterà sulla sola Alghero un calo di oltre 500.000 presenze. Una riduzione del 10 per cento delle presenze di tutto il nord ovest della Sardegna”.

Di Andrea Piana – Giornalista

30 Novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»