Postepay Rock in Roma, il primo colpaccio si chiama Iron Maiden - DIRE.it

Giovani

Postepay Rock in Roma, il primo colpaccio si chiama Iron Maiden

IRON MAIDEN_2ROMA – “Non vediamo l’ora di tornare in tour. Viaggiare e suonare per voi è la cosa che adoriamo fare di più. Siamo pronti per partire, amiamo l’Italia e vogliamo vedervi!”. Così Bruce Dickinson, storica voce degli Iron Maiden, ha confermato la partecipazione della band ai eventi live di uno dei maggiori festival musicali nel panorama mondiale, uno dei cartelloni più attesi, ogni anno, il “Postepay Rock in Roma”.

I leggendari Iron Maiden saranno, quindi, nella prestigiosa line-up 2016, pensata e messa insieme dai due fondatori del festival Maxmiliano Bucci e Sergio Giuliani. La storica band inglese il 24 Luglio sarà a Roma – Ippodromo delle Capannelle – nel ruolo di headliner dell’edizione 2016 di Sonisphere, all’interno del Postepay Rock in Roma, in una delle tre tappe italiane del “Book Of Souls World Tour”.

Con The Book Of Souls, gli Iron Maiden hanno conquistato la vetta della classifica dei dischi più venduti in Italia e in oltre 40 Paesi del mondo. Lo show dal vivo si preannuncia straordinario e ricco di sorprese. “Non abbiamo ancora deciso la scaletta del concerto e la stabiliremo quando ci riuniremo tutti in sala prove Dickinson – La nostra volontà è quella di suonare un bel po’ dipezzi nuovi, dell’ultimo album. Ma non mancheranno i brani vecchi che i fan amano tanto! Stiamo inoltre lavorando alla produzione dello spettacolo… e sarà sorprendente!”
I biglietti per la data di Roma saranno disponibili in prevendita per gli iscritti al Postepay Rock In Roma Club a partire dalle ore 10.00 del 1 Dicembre. Il giorno successivo, dalle ore 10.00, saranno in vendita generale su www.postepayrockinroma.com, www.postepayfun.it e www.ticketone.it. Prezzo biglietti: Posto unico intero: € 70.00 + 10.50 d.p.; Gold Circle Ticket: € 90.00 + 13.50 d.p.

30 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»