Arriva lo sportello per una pubblica amministrazione sempre più trasparente - DIRE.it

San Marino

Arriva lo sportello per una pubblica amministrazione sempre più trasparente

SAN MARINO – Migliorare e rendere sempre più efficace la comunicazione interna ed esterna della pubblica amministrazione: questi sono gli obiettivi di “Pa Aperta“, l’ultima delle iniziative promosse dalla segreteria di Stato per gli Affari interni, per “una Pa trasparente e accessibile“. La novità, presentata oggi dal segretario di Stato per gli Affari interni, Gian Carlo Venturini, dal direttore del Dipartimento, Manuel Canti e dalla responsabile del servizio comunicazione, Clara Bastianelli, si traduce in uno sportello, che avrà sede a palazzo Giovagnoli, con una duplice funzione: da un lato, “sarà punto di riferimento cui i cittadini potranno rivolgersi, fisicamente o attraverso piattaforma web messa in campo” per chiedere informazioni, fare segnalazioni e reclami, ma in capo all’ufficio sarà anche il compito di divulgare agli utenti, attraverso anche opuscoli appositi, informazioni su leggi, circolari e riforme. D’altra parte, lo sportello “Pa aperta” si occuperà di coordinare le informazioni tra i dipendenti degli uffici pubblici, diffondere capillarmente i contenuti delle circolari interne etc.

Venturini_segretario di Stato Interni“E’ un intervento in attuazione delle normative vigenti- spiega Venturini- volto ad avere una Pa accessibile e trasparente, oggi si attiva quindi ‘Pa aperta’ che si vuole mettere a disposizione di cittadini e utenti per far conoscere meglio i servizi erogati, nell’intento di migliorare la loro qualità e la professionalità dei dipendenti”.

Su questa strada sono diverse le iniziative già poste in essere, sottolinea il segretario che ne cita alcuni, tra cui il codice di condotta degli agenti pubblici, in via di pubblicazione e divulgazione anche tra i cittadini, quindi la scelta di uniformare il linguaggio dei provvedimenti per tutti gli uffici, la creazione del portale della Pa, il monitoraggio già in fase sperimentale per valutare soddisfazione dei cittadini, e ancora, la legge sulla trasparenza degli appalti pubblici e la formazione per funzionari e dirigenti, rispetto cui la segreteria sta definendo un piano triennale.

Vogliamo rendere la Pa sempre più accessibile agli utenti, sempre più trasparente e di qualità- prosegue- è un ambito impegnativo, ma se dobbiamo fare passo in avanti non possiamo come Pa sottrarci alle evoluzioni dei tempi”. Il servizio, prosegue Canti, attuando le leggi del 2011 e del 2014 sulla Pa, dà seguito alle raccomandazioni del Greco riferite in particolare a sensibilizzare gli Stati per l’adozione di provvedimenti atti a prevenire la corruzione e attuare la trasparenza.

Per il direttore del dipartimento, strumenti come il servizio di comunicazione interna ed esterna sono “assolutamente necessari”. “Ha un ruolo chiave di interscambio- chiarisce- sulle segnalazioni che arrivano sia dai dipendenti della Pa e per la circolazione di informazioni interne, e si pone come interlocutore per segnalazioni e suggerimenti provenienti da utenti, rappresentando uno strumento per potenziare il monitoraggio sui servizi”.
A riguardo Bastianelli sottolinea l’importanza della novità introdotta nella gestione dei reclami: “Per la prima volta il suo iter è stato codificato- spiega- ora c’è un ufficio che garantisce la presa in carico del problemi e l’attivazione di risposte che da parte dei dirigenti dei servizi che sono obbligatorie entro 30 giorni”. Per prendere contatto con il nuovo sportello è sufficiente recarsi a palazzo Giovagnoli o scrivere email a [email protected] .

30 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»