Saeco, sciopero e 243 tazzine contro annuncio esuberi. E il paese di Gaggio sta con loro - DIRE.it

Emilia Romagna

Saeco, sciopero e 243 tazzine contro annuncio esuberi. E il paese di Gaggio sta con loro

BOLOGNA – I dipendenti della Saeco ricominciano da dove avevano finito: in sciopero. Lo erano venerdì scorso, in presidio davanti alla fabbrica di Gaggio Montano contro i 243 esuberi, e lo sono anche oggi. Terranno le braccia incrociate pure domani e mercoledì. E si faranno sentire: oggi hanno deciso di ripartire con il presidio davanti allo stabilimento della Philips piazzando all’ingresso tante tazzine da caffè a simboleggiare i dipendenti che rischiano il taglio.

Domani alle 8.30 partirà un corteo che punterà verso valle per arrivare in piazza della Libertà a Porretta (e al pomeriggio si assoceranno gli studenti del Polo Montessori-Da Vinci). Eloquente il comunicato diffuso dalle Rsu: “I lavoratori della Saeaco non molleranno mai”. Il segretario regionale della Fiom, Bruno Papignani, ha detto loro di tenersi pronti anche ad occupare la fabbrica e oggi li saluta con un invito a “tenere botta”. Non sono soli: al loro fianco, si stanno mobilitando anche le istituzioni e i commercianti della zona.

Agli esercenti che oggi pomeriggio terranno chiusi i loro negozi per andare a solidarizzare al presidio è stato lanciato l’invito a portare da casa una tazzina da caffè, in modo da depositarle, accanto a quelle già piazzate dei dipendenti. “Quella delle tazzine è una provocazione, ovviamente: Philips deve decidere chi tagliare dei dipendenti e loro si sono identificati nelle tazzine”, spiega Mazzini che non si stupisce della solidarietà che arriva dai negozianti: se la Saeco vacilla a cascata ci possono essere parecchi altri effetti negativi. I commercianti terranno le serrande abbassate anche domani al passaggio del corteo, mentre per il vertice in Regione di mercoledì ci sarà un presidio dei dipendenti sotto le finestre di viale Aldo Moro.

30 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»