Come ti sconfiggo la crisi, Comune e imprese cercano un lavoro a chi non ce l’ha

BOLOGNA – Almeno 2.000 partecipanti, secondo le stime, corsi di formazione gratuiti e l’inserimento in liste che saranno consegnate a oltre 6.000 imprese del territorio metropolitano. Partirà domani “Bologna, luci sulla comunità“, l’iniziativa promossa da Confartigianato Assimprese Bologna metropolitana, Unindustria e Legacoop Bologna, in collaborazione con il Comune, Cgil, Cisl e Uil, per fare colloqui, raccogliere curricula e facilitare l’incontro tra offerta e domanda. L’obiettivo è “restituire un po’ di speranza alle persone che vivono con la sofferenza di non avere un lavoro con cui sostenere se stessi e la propria famiglia”, come spiega Amilcare Renzi, segretario di Confartigianato Assimprese Bologna metropolitana, a maggior ragione “con l’avvicinarsi delle feste”.

CrisiL’evento, che si svolgerà a Palazzo d’Accursio fino all’8 dicembre, vivrà la sua prima fase domani e mercoledì, quando “24 selezionatori di Confartigianato, dello Sportello per il lavoro del Comune e di Unindustria riceveranno gli interessati nella sala del Dentone per un colloquio di profilazione“. Al termine sarà consegnato un voucher per un corso di formazione e, a chi li vorrà, sei ticket per altrettanti pasti gratuiti da ritirare, dal 3 all’8 dicembre dalle 11.30 alle 14.30, nel cortile di Palazzo d’Accursio. I corsi saranno focalizzati su tre aree: “Come scrivere un curriculum e affrontare un colloquio di lavoro”, “Informatica di base” e “Corso intensivo di apprendimento della lingua italiana”, e i candidati potranno scegliere quello che preferiscono.

L’iniziativa, chiosa Renzi, assume in questi giorni un significato ancora più profondo, perché “proprio nel momento in cui pensavamo di superare la crisi, si è aggiunta la piaga del terrorismo, che ci vuole divisi e spaventati. Noi, con questo evento, vogliamo affermare che siamo tutti cittadini di un’area metropolitana che deve essere una casa dei diritti senza pregiudizi”.

30 Novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»