Ambiente

Cop21, Renzi: “Siamo a un bivio. L’Italia sarà protagonista della lotta all’egoismo”

renzi

M. Renzi

C’e’ una sfida che riguarda tutti noi, i nostri figli e i nostri nipoti: il futuro del pianeta. Senza allarmismi inutili, ma dobbiamo prendere atto che siamo ad un bivio. L’Italia vuole stare tra i protagonisti della lotta all’egoismo, dalla parte di chi sceglie valori non negoziabili come la difesa della nostra madre terra“. Cosi’ il premier Matteo Renzi su Facebook. (Leggi anche: A Parigi si apre la Cop21, la Conferenza ONU sul clima: in gioco c’è il futuro del Pianeta)

Quattro miliardi di dollari da qui al 2020, lo sforzo delle istituzioni e delle aziende a cominciare da Eni e Enel, un grande investimento educativo per le nuove generazioni. Siamo tra i paesi leader nella ricerca con scienziati di altissimo livello. Siamo tra i protagonisti della Green economy (biomasse, solare, geotermia). Abbiamo ridotto le emissioni del 23% negli ultimi 20 anni. Sull’efficienza energetica, con i contatori intelligenti, puntiamo alla leadership mondiale. Dunque, noi facciamo la nostra parte. Ma allo stesso tempo siamo consapevoli che abbiamo bisogno di un accordo internazionale, altrimenti tutto sara’ inutile. Siamo a Parigi per trovare un compromesso alto. Il mondo di oggi e di domani guarda a Parigi. L’Italia non si tira indietro”, conclude.

A Parigi e’ in corso “una partita molto difficile”, alla Conferenza sul clima c’e’ “un confronto anche molto acceso“, quindi “non sara’ facile arrivare a un accordo, ma arrivarci e’ una condizione fondamentale”. Quello che dovra’ arrivare da Parigi “deve essere un accordo il piu’ vincolante possibile o rischia di essere un impegno scritto sulla sabbia”. Matteo Renzi, presidente del Consiglio, lo dice in conferenza stampa da Parigi, in attesa di intervenire alla plenaria della Cop21, in diretta su RaiNews24. Come Europa “l’obiettivo credibile e’ quello che ci siamo gia’ dati nel semestre italiano di presidenza Ue- dice Renzi- che consente di immaginare una riduzione fino al 40%“.

30 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»