Roma, l’era Marino finisce alle 17.55 con la firma dell’ultimo dei 26 consiglieri dimissionari

aula giulio cesareROMA – L’era Marino finisce ufficialmente alle 17.55 di oggi. Questo l’orario in cui e’ stata apposta l’ultima delle 26 firme dei consiglieri dimissionari di fronte al notaio, con la lista che poi e’ stata consegnata dal segretario d’Aula, Ilaria Piccolo, nelle mani del segretariato generale del Campidoglio, Serafina Buarne’, per essere protocollate ufficialmente. L’ultimo a firmare e’ stato Roberto Cantiani, consigliere comunale di Ncd.

Le dimissioni contestuali dei 26 consiglieri comunali sono state protocollate in Campidoglio. Il sindaco di Roma, Ignazio Marino, e’, quindi, ufficialmente decaduto e con lui l’Assemblea Capitolina. Dopo aver atteso l’arrivo di Alfio Marchini, i 26 consiglieri del ‘patto del Tritone’ hanno formalizzato le dimissioni al segretario generale del Campidoglio, Serafina Buarne’. Sciolta cosi’ l’Assemblea capitolina, decade anche il sindaco Ignazio Marino.

ECCO TUTTI I 26 CONSIGLIERI DEL ‘PATTO DEL TRITONE’ – Il ‘patto del Tritone’, siglato oggi davanti a un notaio, e’ stato rispettato. I 26 consiglieri a dimettersi, 21 della maggioranza e 5 dell’opposizione, sono infatti esattamente i firmatari dell’accordo: Svetlana Celli della Lista civica Marino, Daniele Parrucci di Centro democratico, i fittiani Ignazio Cozzoli e Francesca Barbato, poi Alessando Onorato e Alfio Marchini, l’Ncd Roberto Cantiani (l’ultimo a firmare) si sono aggiunti ai 19 consiglieri del Pd, ovvero il capogruppo Fabrizio Panecaldo, il presidente dell’Assemblea capitolina Valeria Baglio e poi Erica Battaglia, Orlando Corsetti, Athos De Luca, Michela Di Biase, Cecilia Fannunza, Alfredo Ferrari, Valentina Grippo, Liliana Mannocchi, Dario Nanni, Marco Palumbo, Giovanni Paris, Laura Pastore, Ilaria Piccolo, Maurizio Policastro, Antonio Stampete, Giulia Tempesta e Daniela Tiburzi.

di Emiliano Pretto e Mirko Gabriele Narducci

30 Ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»