Emilia Romagna

Shoah, sindaco Predappio premiato per antifascismo

Predappio_municipio

BOLOGNA – Nella città dove il fascismo è nato, arriva domani il premio internazionale alla memoria dell’Olocausto, riservato a chi si dà da fare sul fronte della ricerca sui temi di nazionalsocialismo o fascismo. Sarà conferito a Giorgio Frassineti, primo cittadino della città che ha dato i natali al duce Benito Mussolini (Predappio appunto), che secondo l’associazione ‘Servizio civile austriaco’ se lo merita. Il riconoscimento internazionale in questione, l’Ahma (Austrian Holocaust Memorial Award), esiste dal 2006 e quella di quest’anno è l’11esima edizione. La cerimonia di consegna si terrà alle 16 nel Teatro Comunale di Predappio. A scegliere l’Italia e Predappio è stata dell’associazione “Oesterreichischer Auslandsdienst – Servizio civile austriaco all’estero“, che dal 2006 tiene vivo il ricordo dell’Olocausto e premia chi fa ricerca sul fascismo.

“BENE IL CENTRO DI DOCUMENTAZIONE SUL 900”

giorgio_frassineti_sindaco_predappio

Giorgio Frassineti

E’ la prima volta, in 11 anni, che il premio Ahma arriva in Italia: al sindaco di Predappio, in particolare, viene riconosciuta la volontà di creare un Centro di documentazione del Novecento (che nel Comune forlivese è appunto in fase di realizzazione) per portare avanti una “visione obiettiva della storia e dell’Olocausto. L’incontro ufficiale, domani, sarà moderato da Felix Hafner e verrà aperto dalla presentazione dell’associazione Servizio civile austriaco all’estero e del lavoro svolto in Italia, con lettura del messaggio augurale del presidente austriaco Heinz Fischer e del ministro per i beni sociali, Alois Stoeger. Poi il discorso onorario di Alberto De Bernardi, professore di Storia contemporanea dell’Ateneo di Bologna, e la consegna del premio da parte di Andreas Maislinger, storico e politologo austriaco, fondatore di questa organizzazione che ha il compito di tenere sempre vivo il ricordo dell’Olocausto. A parlare per ultimo sarà proprio il sindaco Frassineti.

L’evento di domani si colloca nell’ambito dell’undicesima edizione de “I Tre Giorni del Sangiovese” in programma dall’1 al 4 settembre, kermesse all’insegna del bere bene con i grandi vini dell’Associazione per la promozione del Sangiovese di Predappio e con concerti di musica jazz, classica e popolare, stand gastronomici e prelibatezze regionali. Per l’occasione sarà offerto anche un programma aggiuntivo di visite ad alcune città dell’Emilia-Romagna a cura dell’associazione per il Servizio Civile Austriaco all’estero, realizzate in collaborazione con il Comune di Predappio.

30 agosto 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»