AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Articoli

Rassegna stampa di giovedì 30 luglio 2015

A cura di Monica Macchioni

 

Corsera, prima. ANTONIO POLITO. Il grande collasso di Roma. Le ragioni della crisi

Corsera, prima. Il Pd salva Azzollini e si spacca

Corsera, prima. Intervista a IGNAZIO MARINO: quelli del partito mi chiamavano per posti e cariche. Qui ho trovato un partito marcio. Il premier mi ha dato fiducia. Per il Giubileo c’è il rischio di atti terroristici. Sostenere che Renzi ce l’abbia con me è letteratura. Il premier ha solo detto col suo linguaggio crudo cose ovvie. Al presidente del Lazio Zingaretti una mattina ho detto: o porto i libri in tribunale o per l’Atac si cerca un partner industriale serio. Le inchieste del NYT e di Le Monde sul degrado? Si tratta di una strategia per danneggiare la candidatura italiana alle Olimpiadi

Corsera, p2. Fiamme in pineta, Fiumicino fermo. Rogo doloso tra gli alberi accanto all’aeroporto, due piste chiuse. La rabbia di Renzi: adesso basta, è intollerabile. La telefonata con Alfano

Corsera, p2. Il secondo allarme in due mesi e il timore di una strategia per sabotare l’hub (e il turismo)

Corsera, p6. Sui trasporti le prime tensioni del Marino ter. Sospeso l’autista del video denuncia sui bus, colleghi in piazza. Il neo assessore Esposito; misura eccessiva.

Corsera, p8. MARIA TERESA MELI. Renzi respinge i sospetti: una linea di partito NON l’abbiamo indicata

Corsera, p9. Intervista a GOTOR: ecco il partito della nazione, trasformistico e ipocrita

Corsera. p9. FABRIZIO RONCONE. Al “contadino” tanti buffetti. I dem passano e calano lo sguardo. Il centrista soddisfatto: quella frase sulle suore? Mai nemmeno pensata. Io non conosco alcun segreto. Come ho votato in passato per altre richieste d’arresto? Non posso dirlo.

Corsera, p11. Il debutto dei verdiniani: Ala per le riforme fuori dalla maggioranza. Il nuovo gruppo nasce con 10 senatori, silenzio da Fi. L’ex braccio destro di Berlusconi: un divorzio che fa male.

Corsera, p15. La morte (in differita) del mullah Omar.

Corsera, p22. “Ridarò dignita’ alla Fifa”. Platini scende in campo per la successione a Blatter

Corsera, p23. Bruxelles indaga su Eurodisney. A Parigi prezzi più alti per visitatori stranieri.

Corsera,p23. La sfida di Jane Birkin: via il mio nome da quella borsa. L’attrice contro il modello in coccodrillo. La replica di Hermes: faremo verifiche sui nostri fornitori. La reazione dopo aver visto un video girato dagli animalisti in due allevamenti

Corsera, p49. Renzi a Malagò: “totale sostegno a Roma olimpica”. Il presidente del Coni a colazione dal premier: “presto assegnata anche la delega per lo sport”. Malagò fiducioso: “sono soddisfatto, il governo è al nostro fianco e questo ci dà maggiore vigore”

IL TEMPO, prima. Addio a LIVIA ANDREOTTI. UNA VITA TRA POLITICA E FIGLI. Il ricordo di LUIGI BISIGNANI. La chiamavano “marescialla” per l’educazione severa ai figli

IL TEMPO, prima. GIAN MARCO CHIOCCI. Fumus persecutionis. Fiamme, voti e ipocrisia.

IL TEMPO, prima. Mafia Capitale, sequestrato il porto di Ostia.

IL TEMPO, prima. Renzi precipita nei sondaggi e perde più del Pd.

IL TEMPO, prima. Intervista a CROCETTA: “cosi mì hanno incastrato”. “Quell’appalto e i soldi ai mafiosi”. “Vivo in 60 metri quadri e non sono mai stato ricco”

IL TEMPO, p2. L’aeroporto maledetto brucia ancora. Incendio doloso alla pineta manda in tilt lo scalo. In fumo 100 ettari. Passeggeri bloccati per ore. Alitalia si infuria. Uno scalo non più idoneo a esigenze di grandi compagnie. Renzi chiama Alfano: intollerabile che il principale hub sia in balia di criminali. Allarme del sindaco Montino: focolai appiccati di proposito in 3 zone diverse

IL TEMPO, p3. ALITALIA: lasciamo Fiumicino se continuano i disservizi. Calcolati danni per 80milioni con lo stop del Terminal 3. L’ad Cassano: “meno attenzione alla finanza e più ai passeggeri”

IL TEMPO, p6. Alfano: la cricca condizionava il Comune. Il 7 agosto la relazione del Viminale in CDM. Non verrà proposto lo scioglimento per mafia

IL TEMPO, p8. Il Senato salva Azzollini. E il Pd esplode. Zanda concede libertà di coscienza e i Dem a voto segreto impediscono l’arresto. Bufera sul capogruppo democrat.

IL TEMPO, p8. Galan, Genovese, Milanese, Papa. Quando l’inferno è una roulette russa. La doppia morale del parlamento. Arresti sotto elezioni o per indebolire Berlusconi

IL TEMPO, p9. Intervista a VERDINI: con Silvio strappo doloroso. A Berlusconi mi lega una grande lealtà ma non c’era più identità di vedute. In dieci a Palazzo Madama. LUCIO BARANI farà il capogruppo, VINCENZO D’ANNA il portavoce.

IL TEMPO, p11. L’unificazione della destra riparte solo dalla Fondazione. Ripartiamo dall’unico posto che è casa nostra: Alleanza Nazionale. I componenti della direzione e dell’assemblea nazionale di Fdi-An. Nessuno di noi ha avuto ruoli di governo in passato.

IL TEMPO, p13. Il conto di Lande lo salda la banca. Riconosciute le ragioni di un vip truffato da Madoff dei Parioli. Il tribunale condanna l’ex Carispaq. Rischia di pagare 200 milioni

IL TEMPO, p14. Telecom porta Netflix in Italia. Serie originali in Tv su Timvision. L’offerta a ottobre. Sottotitoli e doppiaggio in italiano. Non svelati i prezzi ma sarebbero in linea con altri Paesi (8 euro). Interesse per le torri dopo la fusione tra Wind e 3.

IL TEMPO, p30. PAOLA FERRARI E MAZZOCCHI TORNANO IN COPPIA PER NOVANTESIMO MINUTO.

IL FATTO, prima. Azzollini, il suicidio del Pd

Il FATTO, p2. Mattarella: solo una volta al circolo Scontrino”. Il presidente su invitato ad una conferenza, mai avuto altri contatti

IL FATTO, p2. Il vero Montalbano scoprì quella loggia e fu punito dallo Stato. Nel 1986 un commissario di Trapani trovò quegli elenchi degli affiliati e fu sospeso dal questore. C’era un livello pubblico, di incontri e dibattiti oltre a uno riservato e occulto

IL FATTO, p3. Da Mario D’Urso 500 mila euro in eredità a Bertinotti

IL FATTO, p3. Renzi incassa il TFR: 48mila euro (lordi) a spese dei fiorentini. La cifra è conseguente al versamento dei contributi mentre era presidente della Provincia e poi sindaco

IL FATTO, p4. Renzi fischietta, la Serracchiani si scusa. Guerini difende il coto. Matteo scarica Zanda

IL FATTO, p5. Ma le suore restano ai domiciliari.

IL FATTO, p5. Intervista a GIULIA BONGIORNO. Adesso la sinistra fa le stesse cose che contestava a B. Sulle intercettazioni va bene l’udienza filtro, ma vediamo come farla. La legge delega lascia troppa libertà al governo. Vedo molta confusione

IL FATTO, p6. Bentornato a casa Tovarish Cicchitto

IL FATTO, p6. Nuovi tipi renziani: Verdini, Lombardo e cosentiniani

IL FATTO, p7. La Rai non cambia: nomine con la Gasparri. Padoan annuncia: nuovi vertici scelti con le vecchie regole volute da B.

IL FATTO, p7. Fiumicino brucia ancora. A fuoco la pineta, voli in tilt per ore

IL FATTO, p8. Eni, guai con Saipem ma arriva Profumo. Tracollo. Il titolo giù del 3,44 in un anno la controllata ha perso quasi il 60%. Il banchiere di MPS torna in cda

IL FATTO, p8. Intervista a LANDINI: contro tutti i sindacati è in atto un’operazione reazionaria del governo. Usano i disagi per eliminare i contratti nazionali e limitare il diritto di sciopero. Sogno una Cgil più democratica

IL FATTO, p9. Scontro alle FS: la precisazione del ministro conferma tutto.

IL FATTO, p11. ENRICO LETTA: “meritiamo di più di House of cards”

IL FATTO, p12. Intervista a GIAN ARTURO FERRARI, vicepresidente Mondadori: “l’editoria è un’industria. Fa libri, mica letteratura”.

IL FATTO, p15. Tutte le morti del Mullah Omar. Ennesimo annuncio sull’uccisione del leader storico dei Taliban. Ma stavolta potrebbe essere davvero schiacciato nella morsa di chi non vuole pacificare il Paese

IL FATTO, p16. Se la sicurezza israeliana è peggio dei fidanzati gelosi. Per i check in dei voli con EL AL si deve arrivare 3 ore prima della partenza e sottoporsi a un interrogatorio. Ogni circostanza è sospetta. “Conosce qualche libanese?”

IL FATTO, p17. Il velo d’oro dell’Islam. Un mercato da 300 miliardi di dollari che fa gola alle griffe

Messaggero, prima. OSCAR GIANNINO. Paritarie e privilegi. La battaglia sbagliata del Vaticano sull’IMU.

Messaggero, prima. Giubileo, slitta la nomina. E Marino riparte in salita. Il governo designerà Gabrielli coordinatore dopo la relazione di Alfano su Mafia Capitale

Messaggero, p8. Intervista ad ANTONIO AZZOLLINI. Berlusconi mi ha telefonato subito, è bello scoprire di avere tanti amici

Messaggero, p14. Israele, sale la tensione per i nuovi insediamenti. Condanna dell’Europa. Via libera a 300 alloggi nella colonia della discordia. Amnesty attacca: “crimini a Gaza”. La replica: “tutto falso”

Messaggero, p16. Mose, chiesto il rinvio a giudizio per Matteoli e altri undici

Messaggero, p17. I 4 italiani rapiti in Libia. Gentiloni in commissione: “niente elementi su Isis”. “Non ci sono state rivendicazioni, al momento sono in corso contatti con autorità locali e tribù”

Libero, prima. Allarme Marino. L’uomo che terrorizza Roma.

Libero, prima. Scuola di ladri al Villaggio Solidarietà. Lezione di borseggio per i minorenni rom: i migliori spediti a lavorare al Nord e nelle città d’arte

Libero, prima. La stampella ALA. VERDINI se ne va, Silvio non piange, Matteo non ride. Renzi guadagna 10 verdiniani. La minoranza Pd chiede a Matteo un confronto

Libero, p5. FRANCO BECHIS. La trappola per Ignazio scatterà a fine anno. Il premier vuole votare a Roma e in Sicilia nella prossima primavera, quando avrà incassato il taglio delle tasse sulla casa: spera cosi di ripetere il successo delle Europee. Perciò chiederà agli assessori a lui fedeli di scaricare il sindaco.

Libero, p8. Il governo prova a resuscitare la cassa del Mezzogiorno. Affidata a una società di proprietà dello stato la gestione delle bonifiche di Bagnoli. “Stavolta pagheranno i privati”. Ma i primi 50 milioni vengono dai contribuenti

Libero, p9. GIACOMO AMADORI. L’ombra del complotto sul caso Crocetta. Il procuratore LO VOI: “presto capirete tante cose”. E all’Espresso giurano: la Borsellino sapeva dell’attacco al governatore

Avvenire, p6. Intervista al vicesindaco CAUSI: norme speciali contro Mafia capitale. Da Renzi massimo appoggio, ora più investimenti. Io d’accordo con la terza via di Bindi. Marino combatte molte battaglie, alcune a mani nude

Avvenire, p7. Intervista a QUAGLIARIELLO: Grillo e Salvini un pericolo. Berlusconi torni al tavolo. Il voto su Azzollini non c’entra col Partito della Nazione ma serve un argine ai populismi. Italicum? Si può cambiare

Avvenire, p10. Carcere, torna l’emergenza. Suicidi, sovraffollamento, strutture: estate nera dietro le sbarre

Avvenire, p12. Israele, Netanyahu accelera sulle colonie. Via a 300 nuove case in Cisgiordania. La condanna Ue: stop all’espansione

Il Foglio, prima. MAURIZIO CRIPPA. Si processano i reati, non la politica. Ci spiace, non si mette sotto controllo l’attività parlamentare. Niente arresto per Antonio Azzollini e sacrosanto ceffone del Senato alla procura di Trani. Cronaca di uno scontro culturale che colpisce l’identità del Pd

Giornale, prima. ALESSANDRO SALLUSTI. Alè, 590mila euro ai traditori che salvano Renzi. Nasce ALA il gruppo dei verdiniani: nato per blindare la maggioranza, già mette le mani sui fondi del Senato

Qn, p8. Verdini diventa l’Ala destra di Renzi.

Qn, p8. La proposta di CICCHITTO a Renzi: “alleati solo se cambi l’Italicum”. Al convegno dell’associazione ReL(Riformismo e Libertà) sul Governo Renzi. Perché  sostenerlo, cosa deve cambiare

Mattino, p3. Intervista a LATERZA: Sud, 100miliardi da spendere, occorre una classe dirigente all’altezza.

Mattino, p9. Intervista a FIORONI: si all’alleanza con NCD ma il Pd si interroghi sul suo futuro. Bene CICCHITTO la svolta segna l’abbandono di un progetto alternativo a noi. La riflessione. Serve un surplus di rielaborazione politica. No all’Unione bis o al contenitore unico. Niente dietrologie su Azzollini,  i senatori dem hanno letto le carte e votato secondo coscienza

Mattino Napoli, p26. La cattura di Zagaria, il giallo. “La pen drive era dentro il covo, scopriremo chi l’ha fatta sparire”.

Repubblica, prima. E il primo giorno Marino litiga con il neo assessore. Polemica sull’ATAC deleghe ridotte a Causi

Repubblica, p3. Intervista ad AZZOLLINI: pregiudizi sconfitti, ora il mio modello è un frate certosino. C’era chi diceva: tanto va solo ai domiciliari. Certo, i bagni di casa sono puliti. Ma la ferita alla dignità è uguale

Repubblica, p3. Intervista a SAVINO presidente del Tribunale: ma noi giudici non lo abbiamo mai perseguitato. Spero che il voto sia frutto di convincimento profondo e non di altro

Repubblica, p4. Intervista a LUIGI ZANDA, capogruppo PD: “Bufera prevista. Chiedere scusa? Invidio chi parla e ignora le carte. Falsità dire che abbiamo ceduto a NCD. Il Pd ha uno straordinario rispetto per i magistrati e non cambierà linea.

Repubblica, p6. La Forestale: 3 focolai appiccati da più mani. Il giallo del movente

Repubblica, p7. Intervista al presidente dell’Enac VITO RIGGIO: non credo all’ipotesi di un sabotaggio, ma serve più vigilanza. Per colpire lo scalo bisognava essere cosi bravi da riuscire a prevedere la direzione del vento

Repubblica, p12. CARMELO LOPAPA. Verdini ora fa il centrista. “Ok al Senato così come è, ma non entriamo nel Pd”. Alla Camera il tentativo di agganciare Scelta Civica: questa legislatura deve arrivare fino al 2018

Repubblica, p12. Intervista a PAOLO ROMANI. Denis diventerà la stampella della sinistra. L’operazione è fallita, pensava di portare via 20 persone. La debolezza della sua proposta ne ha convinte solo 10. Solo 2 da FI

Repubblica, p13. Intervista a ROBERTO FICO: il governo ha troppa fretta per quei nomi serve tempo. Bisogna selezionare i migliori, come si può fare in 5 giorni? Il pressing. Il ministro ora spinge ma la lettera poteva mandarla due mesi fa

Repubblica, p20. L’ultima beffa di Galan dopo il patteggiamento gli spetta il vitalizio. Per il Mose assieme a Chisso dovrà scontare 2 anni e 6 mesi per corruzione. Pena troppo breve, e il blocco non scatta. I soldi verranno accreditati sul conto corrente. A parere dei tecnici il pagamento è d’obbligo, altrimenti si rischia una causa

Stampa, p2. Renzi chiama Alfano: adesso basta questa situazione non è più tollerabile

Stampa, p5. Ma Bersani attacca il segretario. “Toccava a lui dirci cosa fare”. Smarrimento nel partito per la mancanza di una indicazione

Stampa, p5. Le due linee nel Pd. La tattica di Renzi per assorbire il colpo. Serracchiani: avrei votato per l’arresto, dobbiamo scusarci. Ma l’altro vice Guerini sostiene le ragioni degli innocentisti

Stampa, p7. Silvio ti adoro ma oggi è Renzi il leader più attrattivo.

Stampa, p7. Pannella, il “padre” radicale che si è messo la corona da re.

Stampa, p7. BUTTAFUOCO: non mi candido. Faccio politica per la Sicilia coi miei libri

Stampa, p17. Dure sentenze contro le banche: no agli interessi sugli interessi. Condannati 9 istituti in tribunali diversi per aver praticato l’anatocismo

Stampa, p21. MARCELLO SORGI. Un partito sempre più ingovernabile

Sole24ore, p19. LINA PALMERINI. Il “no” all’arresto tra la doppiezza del Pd e la resistenza dei senatori alla riforma

Sole24ore, p20. Intervista a ARMANDO SPATARO. Politiche di sicurezza contro gli hacker. Come vengono difesi i flussi d’info

 

30 luglio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988