Politica

Migranti, Orfini: “Criminale chiudere i porti, Europa indecente”

ROMA – “Io non voglio pubblicarla, ma cercatela e guardatela la foto dei tre bambini morti al largo della Libia. E davanti a questa foto almeno proviamo a riflettere, tutti. E proviamo almeno a risparmiarci l’ipocrisia. Guardate la foto e poi leggete l’inchiesta dell’Espresso in cui sono pubblicati i referti medici di chi dalla Libia è riuscito a scappare”. Lo scrive su facebook Matteo Orfini, presidnete Pd.

“Leggeteli uno per uno quei referti- aggiunge-. Torture, stupri, violenze di ogni genere, fame. Curioso davvero che quando riescono a salire su un barcone e ad essere soccorsi da una ong tutto vogliano salvo essere riconsegnati alle motovedette della guarda costiera libica. Che li riportetebbe nei luoghi da dove scappavano. E se voi foste il capitano della nave che li ha salvati, che fareste? Li riconsegnereste? Perché è di questo che sono accusate le ong. Di non lasciar fare i libici”.

“Non ho dubbi su questi- prosegue Orfini-: fanno bene ad agire così ed io farei esattamente lo stesso. L’ho detto allora e lo ripeto: è stato un errore affidarsi ai libici senza avere garanzie reali sul rispetto dei diritti umani. È criminale oggi chiudere i porti. È indecente il comportamento dell’Europa. Ed è allucinante festeggiare il calo degli sbarchi in Italia”.

“Smettiamola di farlo, almeno noi- dice ancora-. Non sbarcano perché muoiono altrove. E se non muoiono è perché subiscono quello che è raccontato nei referti. Continuare a chiudere gli occhi e far finta di niente significa scordarsi chi siamo. Lo so che è impopolare dire queste cose. Ma almeno di fronte a quella foto possiamo trovare la forza di fare una battaglia difficile?”.

30 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»