Europa

Uk, parla l’arcivescovo di Westminster: “Razzismo verso lavoratori Ue”

cattedrale westminsterROMA – “Questa ondata di razzismo e odio e’ inaccettabile e non va tollerata”: lo ha affermato il cardinale Vincent Nichols, presidente della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles, in relazione a una serie di atti intimidatori che si sono registrati nel Regno Unito soprattutto ai danni degli immigrati comunitari, dopo il referendum sulla Brexit del 23 giugno.

“Dobbiamo riflettere su quanto accaduto in questi giorni tumultuosi e valutare con attenzione cosa e’ necessario fare adesso”, ha spiegato l’arcivescovo di Westminster, aggiungendo: “Se non lasciamo spazio alla Provvidenza, la societa’ si chiude in se stessa e diventa molto piu’ egocentrica e divisa”.

Quindi una riflessione che chiama in causa i politici del suo Paese: “sono certo che ogni leader debba riflettere sulla nostra capacita’ di ascoltare e dare voce a chi si sente senza voce. Dobbiamo recuperare il senso degli obiettivi del nostro vivere insieme”. Ancora: “il bene comune che non esclude nessuno. I politici, gli imprenditori e i banchieri devono ciascuno fare il proprio lavoro, ma l’obiettivo fondamentale e’ costruire un mondo in cui la forza sia usata per il servizio e nessuno sia escluso. Se la vittoria al referendum continuera’ a dividere il Paese- ha concluso- diventeremo una nazione sempre piu’ debole e non saremo in grado di svolgere un ruolo sulla scena politica internazionale per affrontare i grandi problemi del mondo”. ( www.agensir.it)

30 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»