M5s in pressing sulla Lega: “Molli Savona”. Ma Di Maio lo conosceva

ROMA – “Abbiamo sempre detto che o parte un governo politico con la maggioranza esistente in Parlamento e che ha scritto il contratto di governo, M5S e Lega, o per noi si deve tornare al voto subito. Sono ore cruciali e c’è una situazione di instabilità che rischia di essere pagata dai cittadini e dal Paese. Stupisce che Paolo Savona, persona di grande spessore culturale e sensibilità politica, non abbia ancora maturato la decisione di fare un passo indietro“. Lo afferma la parlamentare M5S Laura Castelli.

L’incontro tra Luigi Di Maio e Paolo Savona

Luigi Di Maio e Paolo Savona, il ministro dell’Economia proposto la scorsa settimana da M5S e Lega per il nuovo esecutivo, si conoscono già da tempo e più precisamente almeno dal settembre del 2016, e non dalla scorsa settimana come detto da Di Maio domenica sera sul palco di Fiumicino. A dimostrarlo il video di una conferenza avvenuta a Cagliari il 20 settembre 2016, ospite proprio Savona. I due parlarono di euro ed Europa. “Ho avuto un lungo colloquio con Di Maio- racconta Savona quel giorno a Cagliari- e gli chiesi: ‘qual è la tua risposta?’. Di Maio- termina- mi disse: ‘Niente, dobbiamo uscire dall’euro'”.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

30 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»