Lazio

Atac, i Radicali raccolgono firme per il referendum: “Già cinquemila”

ROMA – Il crack del trasporto pubblico di Roma visto attraverso il finestrino di un autobus dove i passeggeri ammassati gli uni sugli altri e con il naso schiacciato sul vetro, sono i protagonisti rassegnati di un’odissea quotidiana a bordo dei mezzi pubblici della Capitale d’Italia, tra vetture che vanno a fuoco, tempi di attesa interminabili e il debito di Atac che grava sulle tasche.

È il racconto ironico e amaro al centro della serie di spot “Se non firmi t’AtTACchi”: la campagna di comunicazione del referendum “Mobilitiamo Roma” per la messa a gara del servizio di trasporto pubblico romano promosso da Radicali Italiani e Radicali Roma.

La campagna, affidata all’agenzia Cut e prodotta dalla Ang Film con la regia di Saverio di Biagio, e’ stata presentata questa mattina in una conferenza stampa dal segretario di Radicali Italiani Riccardo Magi e Alessandro Capriccioli, segretario di Radicali Roma e gia’ oggi sara’ lanciata sui social network e i siti radicali.

IL REFERENDUM

L’obiettivo di “Se non firmi t’AtTACchi” e’ sollevare il piu’ possibile l’attenzione pubblica per informare i cittadini sulla possibilita’ di firmare il referendum promosso dai radicali per dotare Roma di un trasporto pubblico finalmente all’altezza di una capitale europea, “vogliamo aprire un dibattito a cui la politica si sottrae ormai da decenni: per questo il referendum, come tutte le iniziative radicali, e’ aperto a tutte le forze politiche, economiche, sociali e civili che vogliano farlo proprio”, spiega Alessandro Capriccioli.

“Nella scorsa consiliatura- ricorda Riccardo Magi- i consiglieri del M5S si dichiaravano a favore della messa a gara del tpl, inclusa l’attuale sindaca che poi pero’ in campagna elettorale ha definito Atac un fiore all’occhiello: un’azienda che non rispetta il contratto di servizio e negli ultimi 10 anni e’ costata ai contribuenti, romani e non, circa 7 miliardi di euro. Come mai questa marcia indietro?”, chiede Magi.

LEGGI ANCHE Raggi: “Gli autisti dell’Atac sono veri eroi”

Invece “il Partito democratico, a quanto apprendiamo dalla stampa, vorrebbe aprire Atac ai privati, ma cosa vuole dire? Quale privato sano di mente vorrebbe entrare in un’azienda fallita? Con il nostro referendum la strada e’ chiara: aprire il mercato a piu’ soggetti, come gia’ fatto con successo in altre citta’ europee, per riformare il modello di erogazione e far si’ che chi gestisce il servizio, pubblico o privato che sia, lo adegui alle esigenze dei cittadini, non il contrario come accade oggi a Roma”, prosegue Magi.

“Come azionista unico di Atac il comune e’ al contempo controllore e controllato, noi crediamo che debba invece recuperare il proprio ruolo di programmatore, regolatore e controllore del servizio: ecco perche’ il nostro referendum non e’ per il privato, ma e’ a tutti gli effetti un’iniziativa a favore del pubblico. Sarebbe un’occasione di risanamento per la stessa Atac, se volesse partecipare alla gara”.

“Ci associamo all’appello di Walter Tocci che ha invitato il Pd ad aderire e cavalcare il nostro referendum. Il popolo dem gia’ lo fa, sono in tanti dai municipi a contattarci per dare una mano a raccogliere le firme, all’amministrazione capitolina, che ha annunciato una riforma sulla democrazia online, chiediamo intanto di fare tutto quanto nelle sue facolta’ per favorire la partecipazione dei cittadini a questo referendum, fornendo informazioni e autenticatori, come prevede lo statuto comunale”.

LA RACCOLTA FIRME

La raccolta firme ha preso il via il 10 maggio. Per condurre in porto la campagna e’ necessario raccoglierne circa 30mila (pari all’1% della popolazione residente) in tre mesi. Una volta raccolte e depositate tutte le firme, il Sindaco indice il referendum consultivo nel periodo compreso tra il 1° marzo e il 30 giugno successivi al deposito.

“In queste prime settimane abbiamo raccolto circa 5mila firme ai banchetti allestiti da militanti e volontari in varie zone della citta’. Un trend incoraggiante che finora ha visto l’iniziativa incontrare il favore dei cittadini, in particolare nei quartieri periferici dove e’ piu’ sentita la crisi dei trasporti- spiega Capriccioli.

“Moltissime anche le personalita’ che hanno scelto di sostenere e aderire pubblicamente alla campagna ‘Mobilitiamo Roma’, come gli oltre 70 economisti, accademici, rappresentanti del mondo della politica e della cultura che hanno lanciato un appello a firmare il referendum. Tra questi, Francesco Giavazzi, i senatori Pietro Ichino e Linda Lanzillotta, dell’onorevole Andrea Mazziotti, dell’economista Alessandro De Nicola, Umberto Croppi, gia’ assessore di Roma Capitale”.

LEGGI ANCHE Corse ridotte e false comunicazioni, l’Antitrust contro Atac

Il fallimento di Atac emerge con chiarezza anche dai dati di un dossier realizzato da Radicali Italiani e Radicali Roma, spiegano in un comunicato i promotori del referendum.

Negli ultimi 10 anni la produzione complessiva di trasporto pubblico locale erogata da Atac e’ diminuita di 12 milioni di vetture-km (-7%) e soltanto nell’anno 2015 sono state soppresse 653.445 corse (pari al 6,6% di quelle programmate).

Gli autobus che circolano per le vie di Roma hanno oltre 10 anni, i tram sono gli stessi che trasportavano i cittadini negli anni Ottanta, con un’eta’ media di oltre 32 anni e i treni delle metro hanno in media tra gli 11 e i 18 anni. La manutenzione dei mezzi e’ inefficiente e incostante: nel 2015 ogni 100 autobus e tram disponibili, almeno 42 non erano utilizzabili. Per non parlare delle vetture che prendono fuoco durante il servizio. Il dossier, il quesito referendario, l’elenco completo delle adesioni e tutte le informazioni sulla campagna sono disponibili sul sito www.mobilitiamoroma.it, concludono i Radicali Italiani.

30 maggio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»