'Chiedete', arriva il libro social di Papa Francesco - DIRE.it

Vaticano

‘Chiedete’, arriva il libro social di Papa Francesco

chiedete_papa_francesco

ROMA  – ‘Chiedete. Le mie risposte alle vostre domande’ e’ il titolo del primo libro social di Papa Francesco, un progetto editoriale di Mondadori realizzato in collaborazione con Scholas Occurrentes (organizzazione internazionale di diritto pontificio) e la start up eFanswer. L’iniziativa e’ stata presentata ieri nel corso dell’incontro tra il Papa e Scholas Occurrentes.

Non si tratta “semplicemente di un libro” ma di un “evento social internazionale”, spiega Mondadori in una nota, ricordando che “Papa Francesco invita i giovani di tutto il mondo a fargli delle domande attraverso il sito www.askpopefrancis.scholasoccurrentes.org, sviluppato insieme alla start up eFanswer e disponibile in cinque lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo e portoghese. Si puo’ chiedere di tutto – si legge ancora nella nota – non ci sono argomenti o temi predefiniti, l’importante e’ che quello che si desidera sapere nasca dal cuore. Le domande verranno raccolte e selezionate da Mondadori e da Scholas sulla base di due criteri principali: la varieta’ e l’originalita’. Le risposte del Santo Padre saranno pubblicate in questo libro che uscira’ nei prossimi mesi e i cui diritti saranno venduti in tutto il mondo”. A curarlo sara’ la giornalista Tiziana Lupi. Il testo, spiega ancora Mondadori, sara’ “un vero e proprio libro social, che usa le nuove forme di comunicazione per mettere in contatto il Santo Padre con le persone di ogni angolo del pianeta. Una sorta di libro-intervista collettivo, di nuova concezione, un grande dialogo virtuale tra Papa Francesco e i giovani di tutto il mondo, di qualsiasi classe sociale e confessione religiosa che, grazie a Internet, possono porre le loro domande proprio come se lo avessero di fronte”. Vedi www.agensir.it

30 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»