Sanità

Urologia, 100 ambulatori aperti per visite gratuite

urologiaROMA  – Ambulatori aperti dal 13 al 17 giugno in 100 centri di urologia sparsi su tutto il territorio nazionale. Parte la seconda edizione di Sam ‘Salute al maschile’, il primo progetto della Fondazione Umberto Veronesi dedicato interamente al benessere degli uomini e condotto insieme ad Auro (Associazione Urologi italiani) e Siuro (Società italiana di Urologia Oncologica).

“Varicocele, patologie sessualmente trasmesse, prostatiti e tumori urogenitali- fanno sapere gli organizzatori- sono malattie in forte aumento, che possono essere efficacemente prevenute e affrontate con successo grazie alla diagnosi precoce. Ma gli uomini vanno poco negli ambulatori, e lo conferma il fatto che l’80% degli italiani non si è mai fatto visitare da un urologo”. Il progetto Sam vuole quindi trasmettere ai maschi italiani una nuova consapevolezza sull’importanza della prevenzione. E le visite infatti saranno gratuite per chi non si è mai rivolto allo specialista. Per tutte le informazioni dall’1 al 17 giugno sarà possibile chiamare il numero verde 800.59.83.95 (attivo i giorni feriali dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 18). Negli ambulatori saranno inoltre distribuiti tre opuscoli appositamente realizzati per le varie fasce d’età (under 25, tra i 25 e i 55 anni e over 55).

Gli uomini sono ancora troppo poco attenti alla propria salute– dice Umberto Veronesi, presidente e Fondatore della Fondazione Veronesi- ed è per questo che l’anno scorso abbiamo deciso di dedicare a loro il progetto Sam che unisce prevenzione e ricerca scientifica d’avanguardia per lo sviluppo di nuove cure contro il cancro alla prostata, alla vescica e al testicolo. Abbiamo già finanziato fino ad oggi 11 borse di ricerca, ma l’obiettivo è riuscire a fare sempre di più, insieme a nuove attività di divulgazione e sensibilizzazione dedicate agli uomini di tutte le età- conclude- dall’adolescenza alla maturità”.

30 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»